sabato 31 gennaio 2015

8

Versi di Fata Confetto




 Merletti di brina
 ricama l'inverno
su alberi e siepi,
come esile trina.

Il ghiaccio ha incantato
il sonoro ruscello,
cristallo lucente
silente e argentato.

Ricopre un mantello
di gelo e candore
i campi, le strade,
le case e il tuo cuore.


8 commenti:

  1. bellissima questa poesia
    un bacio valeria

    RispondiElimina
  2. Bela,e bella ancora questa poesia, cara Gianna, è veramente brava, Fata Confetto...
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. Complimenti per queste scorrevoli rime invernali
    Ciao Gianna buon pomeriggio

    RispondiElimina
  4. E' piacevole nella sua semplicità e scorrevolezza.
    Quando con le parole si riesce a "riproporre le immagini della realtà" e farle "vedere a chi legge" ...direi che il risultato è apprezzabile e riuscito.
    Complimenti Marilena.

    Un abbraccio anche a te Gianna.

    RispondiElimina
  5. Hai ricamato con le parole e scaldato con le rime il gelido inverno.
    Un buon mese di febbraio ad entrambe

    RispondiElimina
  6. Un inverno ben descritto e ritmato.
    Un caro saluto all'autrice e a te cara Gianna
    Rakel

    RispondiElimina
  7. Mi ricorda un po' Rodari un autore che venero..
    Fata confetto , un mito!!!++++++

    RispondiElimina
  8. Mi piace il contrasto tra il gelo e il candore, è un po' l'emblema della vita.
    Complimenti.

    RispondiElimina