lunedì 6 gennaio 2014

26

POESIE IN VETRINA : CETTINA


Girotondo dell'anno

Arranca il vecchio stanco

sul viale innevato

porta in spalla un carico

da mesi e mesi accumulato

arriva adagio infreddolito e bagnato

cammina tremante

 verso la meta agognata

l’attende un bimbo

 vispo e birichino

là sulla cima del cammino

ha il viso roseo ed occhi grandi

tanti propositi e molte domande

si danno la mano

scambiandosi il ruolo

il vecchio s’adagia

il bimbo s’invola

corre veloce

sulla strada in discesa

raccoglie un fiore

sbocciato dal nulla

coriandoli e maschere

 fan già festa

ed ecco le rondini

ed un fiore di pesco

mentre campane suonano a festa

il sole splendente

 illumina il mondo

intanto s’aprono corolle

 e papaveri rossi

il bimbo è già grande………

c’è afa c’è caldo

bisogna bagnarsi

tuffandosi in mare

dal cielo cadono fontane stellate

l’uomo è un po’ stanco

il passo s’adegua

si ferma ad un bivio..

un odore di mosto

pervade ed inebria

l’aria è più fredda

i campi son brulli

è irto il cammino

la barba già bianca

le gambe tremanti

arranca il vecchio

con il sacco in spalla

mentre lassù

in cima al cammino

l’attende un bimbo

vispo e birichino


26 commenti:

  1. Bella questa immagine della ruota della vita e del tempo che corre , cambia ma rimane sempre uguale, si accavalla con le stagioni, invecchia , ringiovanisce..
    Molto molto bella...
    Grazie+++++

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Nella per il tuo commento pertinente e significativo, Un caro saluto

      Elimina
  2. E' bellissima!Mi è piaciuta tanto!In fondo che cos'è un anno:un lampo!Rosetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Rosetta condivido la tua asserzione :un anno dura un niente e....si ricomincia.
      Un affettuoso abbraccio

      Elimina
  3. Cara Gianna, bisogna dire brava alla cara Cettina!!! una così bella poesia che saluta l'anno stanco che se ne va, per lasciare il posto al nuovo giovane anno che sta arrivando!!!
    Ciao e buona epifania cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Tomaso nella vita è tutto un continuo girotondo,grazie per il gentile commento.Ciao ti auguro una buona giornata

      Elimina
  4. ciao Gianna grazie d'aver riproposto la bellissima poesia di Cettina, assistiamo a quest'alternarsi del tempo con le sue stagionim inarrestabile, fiducia e speranza si alternano a stanchezza e tristezza, si va avanti cosi', trovo molto azzeccato il titolo, complimenti alla nostra cetty, buona epifania a tutti baci rosa, a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima Rosa grazie per il commento e la rilettura.Ti abbraccio con affetto

      Elimina
  5. Trovo questa poesia di Cettina bellissima ed emozionante, questo ripetersi del tempo come una staffetta, all’inizio fresco e pimpante e poi man mano arrancando, forse appesantito dagli avvenimenti successi, ma desideroso di cedere il posto al più giovane.
    Complimenti di cuore Cettina, sei sempre Grande!!
    Un abbraccio a te e a Giannina :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Betty grazie per il commento molto inerente e calzante-Ti abbraccio

      Elimina
  6. Bisognerebbe inserire la musica di Vivaldi che accompagni, mese dopo mese, le quattro stagioni della vita dove vecchiaia lascia il posta a fanciullezza. Molto bella, complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna-Marina molto gradito il tuo suggerimento ad abbinare la musica di Vivaldi che amo. Ti ringrazio e ti auguro una buona giornata

      Elimina
  7. Che bella,
    complimenti a Cettina per aver scritto il tempo il passato, il futuro!
    a Gianna per averla pubblicata.
    Un bacio grande Cara Gianna.
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie anche a te cara Antonella per il commento e la tua rilettura,ti abbraccio

      Elimina
  8. Una bellissima poesia..versi musicali e intensi che avvalendosi di appropriate metafore raccontano l'inarrestabile scorrere del tempo..nel continuo ripetersi delle stagioni della vita... un brano ben descritto e molto sentito.
    Complimenti a Cettina e un grazie a Gianna che con occhio attento l'ha pubblicata.
    Buona serata.

    RispondiElimina
  9. Grazie Stefania per il gradito commento e per la tua rilettura. Ti abbraccio

    RispondiElimina
  10. Un brano acuto, lineare ed ispirato che racconta, attraverso il volgere delle stagioni, la parabola del tempo e dunque l'eterna e inarrestabile giostra della vita.
    Questi versi confermano la teoria secondo la quale il valore artistico non va cercato necessariamente nelle cose astruse, ma può risiedere anche nella semplicità.
    Complimenti vivissimi all'autrice, che con questo testo, conferma le sue ammirevoli doti poetiche!
    Un cordiale saluto.

    RispondiElimina
  11. Grazie Antonio per il commento gratificante e la rilettura confacente al significato intrinseco che si evince dietro lo scorrere dei versi. Un affettuoso abbraccio

    RispondiElimina
  12. Grazie cara Gianna per l'ospitalità nella tua prestigiosa vetrina. Ti abbraccio affettuosamente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cettina, tutto merito dei tuoi versi...

      Bacio.

      Elimina
  13. E la vita scorre e tutto va e si ripete...anno dopo anno, il nuovo dopo il vecchio,...e si va avanti, accumulando ricordi buoni e non sulla sacca che ci portiamo dietro...bellissima rappresentazione cara Cettina.
    Baci

    RispondiElimina