domenica 6 ottobre 2013

26

POESIE IN VETRINA : ELISENA

 A te John Doe
stringo la mano
ch’afferrato il fuoco
e nell’acqua ha sentito
scivolar via la vita

A te Jane Doe
dono il mio scialle
per coprirti dal freddo e la paura
e dall’orrore
ultimo colore
donato alla tua pelle

E a te Baby Doe
un eterno sorriso
che sia mano posata sui tuoi occhi
ora chiusi per sempre ai sogni

Ma il mare non ha colpa
Il mare non sa
quanto più immensa di lui
è la cattiveria umana
Il mare conosce solo
il canto delle sue sirene
e io ieri
ho cantato con loro
tra l’amaro dell’onde
finché quel canto
s’è tramutato in pianto.


26 commenti:

  1. ciao Gianna, grazie per aver proposto questa bellissima e straziante poesia di Elisena, il suo cuore sensibile e il senso di giustizia che le appartiene, non poteva rimanere muto di fronte a questa tragedia umana, versi molto emozionanti, che fanno riflettere sulle responsabilita' che abbiamo nei confronti di questi esseri umani, non dobbiamo piangere dopo, ma aiutarli prima ad avere una vita dignitosa, ciao complimenti , buona domenica rosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Complimenti a te Rosa per il commento molto pertinente.

      Elimina
  2. Versi di struggente tristezza... e di denuncia. Tutti noi portiamo il peso di questa tragedia, tutti noi abbiamo pianto. "ma il mare non ha colpa.." già e noi stiamo a guardare impotenti, mentre qualcun altro sfrutta e s'arricchisce con le loro vite.
    Complimenti ad Elisena ..poesia molto bella.
    Buona domenica stefania

    RispondiElimina
  3. Ho pochissimo tempo a disposizione Gianna e ne approfitto per ringraziarti a nome di tutti i DOE che giacciono nel ventre del nostro mare................
    So già che non potrò ringraziare i tuoi lettori se mai lasceranno parole di commento
    Ciao Signora di questo grande blog e madre e madrina della poesie!
    Un bacio Gianna

    P.S.: Ho letto le poesie che hai pubblicato e lascio un mio "saluto" ai versi che m'hanno preceduta!
    A presto ..... dalla mia "forzata" assenza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I tuoi versi sono una preghiera...per i defunti in mare...

      Ti ringrazio Elisena e ti abbraccio.

      Elimina
  4. Eli i tuoi versi, per questa immane tragedia, li ho sentiti miei...

    Non si può tacere...non si deve rimanere indifferenti...

    Vergogna a chi volta lo sguardo per non vedere e sentire...

    Ti bacio e a presto, cara amica sensibile.

    RispondiElimina
  5. Come sempre Elisena riesce con la sua sensibilità e la capacità creativa a tradurre in versi emozioni dell'anima ed esplicitarle con raffinatezza evocativa. Brava Gianna che sa cogliere i fiori più belli del web.

    RispondiElimina
  6. °º °º✿✿
    º✿

    Triste, tocante, comovente.
    Bom fim de semana!
    Beijinhos.
    Brasil
    ♫ ¸.•°♫♫♫

    RispondiElimina
  7. una triste nenia per cullare i tanti disperati nel momento cruciale della loro esistenza,ma anche una sdegnata denuncia per i responsabili di trgedie così grandi
    a Eli ho già fatto i miei complimenti nel suo blog e li rinnovo qui,uniti ai miei saluti per te ,Gianna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elisena sentitamente ringrazia.

      Ricambio i saluti, Graziella.

      Elimina
  8. John... Jane... Baby Doe, nomi posticci, di diseredati, che non hanno diritto a niente a questo mondo, nemmeno alla propria identità. Di questo dramma tratta la presente lirica e lo fa in modo raffinato e struggente, ricorrendo a metafore intelligibili, ma originali e di rara bellezza - "la mano c'ha afferrato il fuoco / e nell'acqua ha sentito scivolar via la vita" -
    Brano sincero, profondo, appassionato, da cui emana un talento, che non è azzardato definire più unico che raro.

    RispondiElimina
  9. tenera...strazianti pennellate d'indicibile dolore...

    RispondiElimina
  10. Elisena ha scritto questi versi per ogni diseredato e hanno il sapore di una dolce preghiera.
    Un abbraccio a te Gianna e a te Elisena

    RispondiElimina
  11. Vissuti invisibili al mondo. Morti senza nome. Bellissima e intensa "ballata", intensa e colma della sensibilità che sempre distingue Elisena.

    RispondiElimina
  12. Non si potevano usare metafore più profonde. Una poesia nella quale mi sono sentita immersa dal fuoco e dal mare e dal terrore.
    Bravissima.
    p.s.
    Grazie Gianna per i tuoi auguri
    mimosa49

    RispondiElimina

  13. Una preghiera garbata,in versi,per dei fratelli che il mare ha inghiottito assieme alle loro speranze ed ai loro sogni.Ma non il mare ha colpa,che è grembo caldo di ogni primordiale vita,altri ed altro ve li hanno spinti.Restano le nostre lacrime e la nostra pietà.Bravissima e sensibile Elisena. Grazie anche a te,Gianna.

    RispondiElimina
  14. Hai scritto tante verità, Cettina.

    RispondiElimina
  15. Il mondo che non vorremo mai descrivere nella poesia di Elisena....ma l'animo poeta deve cantare pure il dolore degli ignoti, si può pensare, che invece è il dolore di tutti....

    RispondiElimina