venerdì 30 novembre 2012

22

POESIE IN VETRINA : PINO PALUMBO


CIELI  DI  GAZA

 Sibili
trafiggono la mente
tracciano il cielo
orientale
cadono atterrendo
in verticale
degl'occhi lo sguardo
infante
prima dell'impatto
disfattivo
di vita ancora
...infantile.

Sibili
devastanti
distruttivi
di materia
e umani
da sempre
di pace privi.

22 commenti:

  1. Purtroppo così attuale e così triste... Una poesia che Pino scrive dal cuore, e che porta a riflettere profondamente e a condannare gli orrori di cui gli uomini sono capaci.
    Buona giornata a te Gianna e a Pino

    RispondiElimina
  2. Ancora una volta per queste popolazioni non c'è pace....

    Un saluto e buon fine settimana ed un abbraccio a Stella!

    RispondiElimina
  3. Una bella scelta cara Gianna... Una poesia che racconta il suplizio di un popolo.
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. I versi di Pino fanno riflettere, lasciano dentro come una ferita che non si rimarginerà mai, soprattutto in un'epoca come la nostra..un sibilo nella notte squarcia il velo della pace uccidendo i sogni di un bambino innocente...

    buona giornata Gianna

    RispondiElimina
  5. Poesia che fa riflettere sul senso inutile delle guerre,emozionante e vera,complimenti a Pino.
    Buona serata Gianna.

    RispondiElimina
  6. Un componimento di taglio decisamente moderno, non tanto per l'attualità dell'argomento, quanto per la forma e lo stile.
    La poesia infatti può definirsi di tipo minimalista, con poche parole-simbolo che sembrano imprimersi nella coscienza del lettore in modo deciso e indelebile.
    Il componimento, in definitiva, compendia una pleiade di concetti sull'atrocità della guerra, testimoniando così la sensibilità e l'impegno civile dell'autore.

    RispondiElimina
  7. I temi civili e sociali trattati in poesia hanno sempre un impatto emozionale su chi legge , molto più di un articolo giornalistico che tratti dettagliatamente i temi.
    La poesia di Pino va direttamente al nucleo di questa grande "bruttura" umana quale è la guerra e la sua inutilità sotto il profilo umano.
    Pochi versi, semplici ma carichi di profonda emozione ci portano con il cuore in quelle zone devastate e, per un lungo attimo, ci fanno sentire parte di esse in perfetta solidarietà con chi vive in primo piano questo sfacelo.
    Bella, complimenti.
    Baci Gianna!

    RispondiElimina
  8. Linda poesia! Um DEZEMBRO cheio de LUZ pra ti! beijos,chica

    RispondiElimina
  9. Obra e imagem em pura sintonia!
    Grande abraço e sucesso!

    RispondiElimina
  10. Bella perché ispirata e sentita, complimenti!

    RispondiElimina
  11. Questa è la poesia che mi ha colpito di più, dopo aver letto anche le altre, perché la cosa è attuale. Bravo Pino che ha saputo esprimere in poesia una terribile realtà. Chissà quando nel mondo ci sarà definitivamente la pace. Per molti esseri umani il Natale sarà sotto i missili e non sotto l'albero. Un caro saluto a te e ti prego di estenderlo a Pino.

    RispondiElimina
  12. Un saluto Stella e Buon Dicembre!

    RispondiElimina
  13. Grazie a tutti per le parole espresse e per aver condiviso la mia malinconia per certi accadimenti.
    Grazie Antonio per il "taglio critico" del tuo commento.

    Ancora grazie a te Gianna per avermi ospitato e reso visibile un "lamento del mio cuore verso l'atrocità umana".

    Ciao e buona vita!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Pino, sempre attento ai problemi sociali.

      Elimina