mercoledì 11 febbraio 2009

101

STOP ALLE VOTAZIONI

ANGOSCIA
Pensieri dissonanti
come ali dal volo incoerente
allontanano sponde
ora così distanti e così fragili
per contenere
flutti potenti
di emozioni illogiche
nel fiume in piena dell’angoscia.
Cerco la quiete
nelle parole antiche di mia madre,
nei versi dei poeti,
nel flusso dei ricordi
che giungono
a portare ordine vitale
a idee che si scontrano,
si dibattono impotenti
nella gabbia di una logica
che per infiniti attimi
non mi appartiene
e sfugge,
sabbia nella clessidra dei giorni.
Il moto costante della mente
sottrae dolcezza al tocco delle mani,
fa gelido lo sguardo,
troppo scuro per liberare
lacrime di pietra.
Fragile e pur audace
invoco aiuto…
Annarita 21 voti

"IMMENSA SOLITUDINE"
Da tempo ormai,
lo accoglie la solita panchina:
...e resta lì, seduto,
ora dopo ora,
a guardarsi le mani...
C'è sempre chi, distratto, passa
senza uno sguardo,
né attenzione alcuna...
la speranza di un po' di compagnia,
il desiderio di una parola amica,
muoiono nel fondo del suo cuore...
Golosamente, ingoia risa di bimbi..
con occhi incerti le loro corse insegue;
teneramente, accarezza i loro giochi:
nessuno lo vede,
nessuno sente il muto suo richiamo..
tutto gli è negato,
perfino l'ombra di un sorriso.
...e resta lì,
giorno dopo giorno,
a rincorrere ricordi solo suoi...
il passato, torna alla sua mente:
si rivede bimbo,
gioioso, vivace, lieto...
riecheggiano amate voci antiche,
il dolce, melodioso canto di sua madre;
vede la scuola, i cari amici,
il lavoro, il primo e unico amore,
i figli...la sua vita...
e poi, irrimediabili, i distacchi,
le lontananze, le speranze vane...
Tutto scorre nei pensieri solo suoi,
tutto, tra le lacrime, si confonde,
tutto si sbriciola in quelle mani vuote,
piene soltanto di segni del tempo...
...e nel rintocco lento del presente,
lui è lì,
seduto sulla fedele panchina,
sommerso da un mare di tristezza,
abbracciato da un'immensa solitudine.
Paola 21 voti

La mia Solitudine: Tormento ed Estasi
La vedo e la sento.
Inaspettata.
Come gramigna mi immerge in una mare inconsolabile.
Ascolta il mio naufragare
in un silenzio assordante,
in un rumore silenzioso
che mi sconvolge i sensi.
Ricercata.
Come un fiore tra i rovi mi catapulta in un vortice solitario.
Ed i miei pensieri..
Cantano, danzano, piangono, sorridono
e lei …
spettatrice silente
mi riscalda e mi raggela
ed io …
mai sola, sempre viva.
Fluttuo e volteggio
in un recinto circondata da filo spinato,
in un giardino di primavera,
in un murales o in un affresco,
in un sogno o come in un incubo
nell’agorà della vita
tra il tormento e l’estasi…
“Oh mia solitudo..temenos dell’anima mia”.

Calliope 10 voti

IL MIO SOGNO....
E' sera e tutto tace intorno a me....
vagabondo per casa
in cerca di qualcosa che mi aiuti ad avere la mente serena...
Mi guardo intorno...
vedo solo mobili...
Loro non parlano...
non ridono...
Mi siedo sul divano in cerca di un pensiero che mi faccia compagnia...
Con la musica che fa da sottofondo, cerco di pensare a qualcosa....
E la melodia fa in modo che io cada in un sogno profondo...
abbandonata come una piuma leggera nell'aria....
ecco, è lui...
il mio angelo...
avvolto da una bellissima luce bianca....
si avvicina con il suo dolce sorriso per tranquillizzarmi....
tende la sua mano e io l'afferro stringendola forte...
mi invita ad alzarmi
e camminiamo insieme lungo il sentiero dell'amore.
Frufrupina 8 voti




101 commenti:

  1. Voto "Angoscia" di Annarita, per la musicalità profonda ed emozionante.
    Annamaria

    RispondiElimina
  2. Voto Annarita, concordo con il commento di Annamaria.
    Brava Stella e bravi tutti.
    Vale

    RispondiElimina
  3. Voto Paola: immensa solitudine, segno dei tempi attuali!

    RispondiElimina
  4. Voto Annarita..." le lacrime di pietra" mi appartengono in questo momento. Buona giornata a tutti.

    RispondiElimina
  5. Voto "Angoscia " di Annarita: versi di una musicalità che travolge, come l'angoscia.

    Complimenti a tutti i concorrenti e grazie per la bella iniziativa.

    RispondiElimina
  6. Voto "Immensa solitudine" di Paola perchè ha descritto la più brutta di tutte le solitudini quelle delle persone anziane abbandonate a se stesse.
    Un saluto e buona giornata.

    RispondiElimina
  7. voto "Immensa solitudine" di Paola
    complimenti a Paola e a tutti gli altri autori.
    Saluti A

    RispondiElimina
  8. Voto per il componimento di Annarita, sensibile e delicata come sempre.

    RispondiElimina
  9. Innanzitutto ringrazio tutti coloro che mi hanno votata e che mi hanno permessa di giungere in finale.

    Le poesie tutte belle davvero, esprimevano il senso della solitudine, in tutte le sue sfaccettature e mi hanno regalato momenti di bellezza dell'anima di chi le ha scritte.

    Esprimo il mio parere votando la poesia di Paola perchè ha saputo creare in uno spazio temporale ed emozionale un passato rivissuto ed un presente che seppur sommerso dalla tristezza ed abbracciato dalla solitudine serve implicitamente come monito per un futuro migliore per tutti, che non passa inosservato.

    Un abbraccio ed una buona giornata a tutti e chiunque vinca sarà stato, anche questa volta, un successo per tutti, un successo dell'anima.

    ciao Stella ed un dieci e lode a te ed a tutti i partecipanti.

    RispondiElimina
  10. 10 e lode... quanti ne ho dati...

    Grazie Calliope.

    RispondiElimina
  11. Voto Paola "Immensa Solitudune"

    RispondiElimina
  12. Voto Annarita, Angoscia, per la musicalità delle parole e l'armonia dell'insieme.
    Buona giornata.
    Rino.

    RispondiElimina
  13. Io voto per Paola. La sua poesia mi commuove e mi emoziona.
    Francesca

    RispondiElimina
  14. Cara Stella, sono qui in seconda battuta e mi scuso per non aver partecipato alla precedente. Comincio da Annarita e poi via, via...

    Non ti rammaricare Annarita per l'increscioso episodio a tuo danno.
    Giusta la tua poesia nella quale l'angoscia si erge. Basta anche un niente per farla delineare. È la matematica in te che esige che i conti tornino e non accetta nemmeno un volar di mosca. Ma anche quelle due esposte da Pier Luigi hanno questo stesso denominatore che leggo nella tua foto. Hai bisogno degli "occhiali" di cui disponi e che ti valgono come la celata di un elmo, se si guarda la tua foto. Ma è così bello guardare ad occhi aperti, ti dice la poetessa in te. Quale dunque il sorpasso, per il quale invochi aiuto attraverso la poesia che è in pari con quella di Paola? Ti viene appunto dalla competizione nella vita ed è questo che ti vuol dire quel maldicente cui invece devi ringraziare. È da lui che ti viene l'abbrivio che ti ci vuole. Mentre il "vecchio" della poesia di Paola è all'inevitabile tramonto. Mi par vedere in lui il "vecchio dei giorni", il nome di un dio che non si vorrebbe mai far tramontare, ma occorre che tramonti. Ecco il significato, perché vale per te che forse deve adoperarsi per "creare", per fare la ricercatrice che quest'epoca della scienza richiede, e non tanto servire su vassoi d'argento belle pappe pronte ai tanti "bambini" che affollano il web che si mescolano a quelli veri della tua scuola.
    Forse per questo la sorte mi ha voluto accanto a te, io che, come "omo sanza lettere" ma anche "senza numeri", un semplice diplomato geometra, si adopera incessantemente a inventare in tanti modi nuove concezioni.
    E Calliope la terza poetessa? Ha bisogno di trarre il fuoco dalla sua stessa altalena fra il tormento e l'estasi: le servirà per trovare la sua giusta posizione che si potrà delineare o prima o poi. Dipenderà da lei e non, magari dall'ottenere di essere vincitrice con la sua poesia.
    Resta Frufrupina presa dai sogni e dal suo angelo e così è felice potendole bastare solo chiudendo gli occhi. A differenza di Calliope, l'elogio poetico più della misura ottenuta potrebbe, sì, destarla e questo è buona cosa, ma potrebbe anche disporla a degli impatti vitali cui non è preparata. Il suo stesso angelo le suggerirà come fare senza che vada incontro a dispiaceri insopportabili.
    Detto tutto questo, eccoti l'abbrivio, ossia il voto: una simbolica mano per la tua invocazione di aiuto.
    Auguri Annarita, ma anche tanti elogi a Paola, Calliope e Frufrupina.
    gaetano

    RispondiElimina
  15. Innanzi tutto ringrazio Stella per il suo impegno messo per portare a termine questo concorso.
    Inoltre, scusatemi, vorrei esternare la mia gioia per aver ricevuto due voti! Lo so sembra una idiozia, ma nel mio piccolo, non essendo portato a questo tipo di disciplina, è come se avessi vinto un premio.

    Voto Calliope. I suoi versi, a mio parere, hanno descritto i due aspetti estremi della solitudine: inaspettata e ricercata.

    RispondiElimina
  16. Voto Calliope.

    Ha descritto uno stato d'animo che io conosco molto bene. E lo ha fatto con la delicatezza di un'emozione.

    RispondiElimina
  17. Il mio voto va a FRUFRUPINA con (IL MIO SOGNO)!

    RispondiElimina
  18. Voto per la poesia di Frufrupina

    RispondiElimina
  19. Grazie di cuore a coloro che hanno espresso la propria preferenza per la mia "Sotto la metropolitana di Milano".

    RispondiElimina
  20. Gentile Gaetano, la ringrazio per la sua partecipazione al voto. Nessuno, però, le aveva richiesto la recensione di altre poesie,recensione,scusi la mia ignoranza,che non sono riuscita ad afferrare.

    RispondiElimina
  21. Il mio voto è Per Paola.
    Bravi Tutti
    Un bacio Cinzia.

    RispondiElimina
  22. Confermo ancora il mio voto per Annarita!

    Complimenti a tutti i partecipanti e alla "padrona di casa"..

    Paolo. :)

    RispondiElimina
  23. Gentile Stella,
    mi dispiace di esserle sembrato importuno, quasi un estraneo, mentre nei blog di comuni amici ci siamo quasi “sfiorati” e questo mi ha incoraggiato nel caso in questione. Mi duole ancor più per essere stato frainteso per le recensioni di cui lei parla, per le quali non se ne fa ragione. Come spiegarle?
    Proprio in relazione al post su Monna Lisa da me scritto, che Annarita ha pubblicato su Mateamatic@Mente si è intavolata un bel dialogo con Alberto Cane. La questione partiva dal suo commento che diceva così:
    «La nostra prospettiva interna è rimasta a quella del Rinascimento, ma quella dell’arte è andata oltre.
    Ti faccio una domanda. Ma gli uomini del Medio Evo vedevano il mondo con quella prospettiva così come la vediamo nei dipinti di quel periodo?»
    Si tratta ovviamente di cose che appaiono estranee al tema in atto in questo suo blog, ma fino ad un certo punto, poiché è emerso che l’uomo interiore è come se fosse in “ritardo” con i fatti della realtà. Se potessimo ascoltarlo veramente ci accorgeremmo che certe cose non le memorizza bene e perciò subito dopo non le ricorda più.
    Ecco, riagganciandomi alla sua perplessità, a differenza di altri ho cercato di dare ascolto ad un peculiare “io” che attende il piano dell’interiorità supposta in “ritardo” e che traspare in ognuna delle quattro poesie a cominciare da quella di Annarita. Perciò ho tralasciato per quanto occorreva il manto poetico e ho disposto l’abbrivio per l’“io” che mi è sembrato più autorevole. Ma gli altri “io”, ognuno per suo conto, è come se primeggiasse secondo il suo piano dell’interiorità, similmente nell’insieme ad un quaternario inscindibile. Insomma è come se fossero tutte vittoriose le brave poetesse in questione.
    Capisco che il mio approccio alla votazione non risponde ai canoni che lei ed altri prediligete, tuttavia mi domando come si fa allora a “far” premiare anche il “consigliere” in noi che in molti l’ego dispone per loro umili grotte? E, dunque, come questi potrà vivere di pari passo al suo involucro biologico che si serve prevalentemente dell’ego e molto meno dell’io incapace di farsi valere a causa della memoria poco sviluppata?
    Naturalmente la mia impostazione filosofica non è canonicamente valida, tuttavia...
    Comunque nulla le vieta di invalidare il mio voto che non le pare espresso in modo convenzionale ed io non me ne vorrò.
    Mi dispiace...
    Cortesi saluti,
    Gaetano

    RispondiElimina
  24. SONO CONTENTO DELLE 4 POESIE FINALISTE.PERCIO'IL POPOLO DELLA BLOGOSFERA INIZIERA' A VOTARE INIZIERA' A VOTARE
    NON ESPRIMO NESSUNA PREFERENZA,ATTENDERO' L'ULTIMO MINUTO.........

    RispondiElimina
  25. Voto "immensa solitudine" di Paola

    RispondiElimina
  26. Gaetano il suo voto è validissimo e la ringrazio per avermi chiarita le idee,grazie!

    RispondiElimina
  27. Il mio voto è per Paola con la poesia "Immensa solitudine"

    RispondiElimina
  28. Voto" Angoscia " di Annarita perchè , leggendola , mi ha lasciato qualche emozione in più . Ma sono tutte bellissime !!Complimenti a Paola , Calliope e Frufrupina , bravissime e meritevoli , sensibili e profonde .
    Grazie Stella per tutto e ................porta pazienza !!!!

    RispondiElimina
  29. Caro Asterix,il tuo atteggiamento non mi piace.Già nel precedente votazione avete votato come team e poi individualmente. Il gruppo si è sgretolato ? Amo le cose giuste e non si scrive in stampatello maiuscolo, non si alza la voce. Io sono trasparente e vorrei che lo fossero anche gli altri. Grazie!

    RispondiElimina
  30. Ciao stella,la mia preferenza va ad "Immensa solitudine" di Paola.
    Con la delicatezza che la contraddistingue ha saputo tracciare tutto l'iter vissuto in una vita di una persona.
    Le dissertazioni filosofiche espresse precedentemente non le trovo appropriate,per un blog dai contenuti immediati ed essenziali,ricchi di valori come il tuo.

    Buon pomeriggio!

    RispondiElimina
  31. Ciao Stellina ^_^ il mio voto va ad "Immensa solitudine" di Paola.

    RispondiElimina
  32. Cara Stella, voto "Angoscia" di Annarita, per i motivi che ho già espresso nella precedente votazione.

    Un abbraccio e buon pomeriggio :-)

    RispondiElimina
  33. Tutte belle ma voto "La mia Solitudine: Tormento ed Estasi" di Calliope...
    complimenti a tutti!
    max

    RispondiElimina
  34. voto immensa solitudine di Paola
    ciao a tutti ;-)

    RispondiElimina
  35. il mio voto a calliope ."La mia solitudine :tormento ed estasi"

    RispondiElimina
  36. Tutte splendide io voto per:Paola,Calliope.E vinca la migliore!

    RispondiElimina
  37. Come avevo già votato rivoto per "Angoscia" di Annarita.

    RispondiElimina
  38. Frufrupina,solo una preferenza in questa fase finale.

    RispondiElimina
  39. Scusa gioia...va bene rifaccio il voto allora voto:Calliope.Serena serata.

    RispondiElimina
  40. Stellì...per trasparenza voglio dire che il max che mi ha votata non è un anonimo.
    Questo è il suo blog
    http://ostariadercurato.blog.excite.it/

    Buona serata a tutti.

    RispondiElimina
  41. Ciao Stella
    voto FrufruPina ed "il mio sogno"


    buona serata

    RispondiElimina
  42. Calliope,tutto è sotto controllo,il suo voto l'avevo già conteggiato.

    RispondiElimina
  43. Voto Calliope: "La mia Solitudine: Tormento ed Estasi" per le belle immagini che mi ha regalato. Perchè la solitudine può essere "tormento ed estasi".
    Brava Calliope, hai saputo cogliere il profondo significato della solitudine con tutte le sue sfaccettature.
    Bella questa iniziativa del concorso. Complimenti!

    RispondiElimina
  44. Ho letto con molta attenzione i commenti di Gaetano e se mi permetti cara Stella mi prendo questo tuo spazio per potere interagire con lui visto che ha anche parlato di me. Mi piace approfondire dove arrivo solo umilmente a percepire.

    Gaetano, lei ha detto di me:

    "E Calliope la terza poetessa? Ha bisogno di trarre il fuoco dalla sua stessa altalena fra il tormento e l'estasi: le servirà per trovare la sua giusta posizione che si potrà delineare o prima o poi. Dipenderà da lei e non, magari dall'ottenere di essere vincitrice con la sua poesia"

    Innanzitutto la ringrazio per avermi definita poetessa ma lunge da me l'intrinseco significato del termine.Le mie perle poetiche sono solo parole e versi che di manto poetico hanno poco ma che di manto interiore sono invece intrise e ricoperte.
    Chi le dice che io abbia bisogno di trarre fuoco dal mio altalenare tra il tormento e l'estasi? E se invece fosse proprio questo mio altalenare a farmi sentire viva e pulsante senza la necessaria posizione cui lei allude che prima o poi mi dice che si debba per forza delineare?
    L'oscillare tra l'atteso, il ri(-)cercato e tra l'inatteso è una dimensione che mi creda non è per niente deleteria (almeno per me).
    La mia anima in continuo sospesa, sta bene così, in quel recinto sacro solo mio (temenos)ed anche nell'agorà aperta della vita.
    Il mio io, non ha bisogno di primeggiare e neanche di autorevolmente imporsi, mi creda.
    La vittoria di raggiungere quella posizione di cui lei parla è una cosa che è lontana dalla mia forma mentis, e di certo non potrei attribuire la vittoria del mio io ad una poesia, questa o un'altra.
    Il mio io trionfa nello stesso istante in cui inaccessibile mi si offre la possibilità all'anima mia di aprirsi..ed è una cosa che mi accade sempre, quando scrivo (ho aperto il mio blog infatti non per far primeggiar il mio io ma per liberarmi l'anima che a volte sembra scoppiare viste le innumerevoli sensazioni che racchiude).
    Ho partecipato non per vincere ed i voti alla mia poesia sono doni che io rispetto e prendo con tutta l'importanza che meritano e se vittoria ci sarà..perchè disprezzarla?
    Dal canto mio, anche solo partecipando ho già vinto..come tutti del resto.

    E se mi permette, concluso il mio commento riguardo al suo recensire sulla mia poesia..leggendo anche il suo secondo commento,quando dice: "" è emerso che l’uomo interiore è come se fosse in “ritardo” con i fatti della realtà. Se potessimo ascoltarlo veramente ci accorgeremmo che certe cose non le memorizza bene e perciò subito dopo non le ricorda più""
    A riguardo posso solo dirle che è vero ma iniziando un bel viaggio all'inverso del nostro io ed evidenziando un qualcosa di particolare..vedrà che tutto si delineerà benissimo (il difficile è trovare quel "qualcosa") e proprio per evitare che molte delle cose, delle sensazioni e delle emozioni che provo...si perdino,vitanaturaldurante..io scrivo, su pagine di caraceo o su pagine di web..poco importa. Tutto viene immortalato come in un fermo immagine e scoprire il mio Io mi viene più semplice.

    Buona serata e grazie per il commento e mi scusi se mi son permessa di replicare, e mi scusi se son proprio fuori dai canoni filosofici standard e non..la mia visione delle cose è mia.

    Ciao Stellì buona serata.
    Sento la mia anima leggermente più lieve ^_^

    RispondiElimina
  45. voto per la poesia di Paola.... ciao da Maria

    RispondiElimina
  46. Scelgo la poesia di Paola "IMMENSA SOLITUDINE" tenera e struggente.

    Voglio ringraziare nuovamente tutti , ma proprio tutti.

    Rosa

    RispondiElimina
  47. Confronti e non scontri vanno bene,grazie!

    RispondiElimina
  48. Voto Angoscia di annarita.
    Ho avuto modo di leggere altre poesie di annarita, mi piace il modo in cui scrive, i suoi versi sembrano trascinarti in un vortice di emozioni.....
    Roberta

    RispondiElimina
  49. Voto Annarita perchè si percepisce che lei l' angoscia l' ha vissuta realmente , mi comunica l' angoscia sulla pelle.

    RispondiElimina
  50. Il mio voto è per Annarita con la sua potente "Angoscia"
    france

    RispondiElimina
  51. Voto "Angoscia" di Annarita, per le motivazioni già illustrate nelle precedenti votazioni, ovvveroperchè riesce la sua poesia riesce ad esplorare ed a far vivere l'emozione descritta, ma al contempo permette anche di riflettere su di essa :)

    RispondiElimina
  52. Voto "Angoscia" di Annarita, perché, ripeto, sposa ragione e sentimento, logica e lirismo, suggestione e riflessione, ansia e carezza...

    RispondiElimina
  53. Voto per Frufrupina.."il mio sogno"..
    Un bacio..

    RispondiElimina
  54. Voto Paola con "Immensa solitudine"...solo la poesia sa entrare in una delle più dolorose solitudini che consumano la voglia di sperare..
    BRava paola, per i versi e per la dedica che ne hai fatto!

    un bacio a tutti!
    Sara

    RispondiElimina
  55. Stella, le chiedo umilmente scusa ma mi consenta di rammendare ciò che ho detto a Calliope facendola risentire.
    Gentile Calliope la mia frase, che è espressa in potenza, vuole significare proprio ciò che lei dice. Il fatto di sentirsi viva e pulsante lo deve proprio al fuoco che trae dall’altalena in questione. Di qui il determinare una posizione che le pare più che giusta, benefica. Dunque nulla che possa invece dimostrarsi deleterio come lei ha pensato fraintendendomi. Tutto qui.
    Mi è piaciuta la sua poesia con i suoi contrasti propri di un ermetismo attivo. Mi par di evedervi gli alchemici leone verde ed il rosso, la remora e salamandra, il sole e la luna che lottano fra loro per un elisir vitale, un fuoco inestinguibile.
    Posso immaginarla serena ora?
    E così anche Stella che non avrà gradito questo increscioso episodio in casa sua.
    Buon prosieguo della bella manifestazione,
    Gaetano

    RispondiElimina
  56. Gaetano grazie. Civilmente ci si può chiarire ed io desidero questo. Non mi piacciono la maleducazione e le offese ai miei lettori. Quindi, vai....tranquillo.

    RispondiElimina
  57. Complimenti a tutt'e quattro le finaliste, le poesie sono tutte belle, ma le mie preferenze vanno alle prime due che sono fantastiche. Purtroppo il mio voto dovrà essere per una sola, quindi voto per "Angoscia" di Annarita.
    Mi complimento con la padrona di casa... Stella, per aver indetto questo bellissimo concorso a scopo benefico.
    Betty

    RispondiElimina
  58. Gentile Gaetano mi dispiace...anzi non concordo proprio sul suo definire "increscioso episodio" il nostro interagire.

    Cosa c'è stato di increscioso?

    Non mi sembra che nessuno dei due abbia usato termini offensivi verso l'altro, abbiamo solo esternato dei nostri pensieri.

    Quindi trovo fuori luogo il suo scusarsi e la sua definizione di "increscioso episodio".
    Mi suona un poco stonato (mio parere).

    Che io l'abbia fraintesa può anche essere...infatti parlo di percezione delle sue parole e non di assolutistico capire.

    Non mi sono assolutamente risentita e non ero e non sono "non calma" e se le ho fatto capire questo mi dispiace..probabilmente non sono a livelli comunicativi così chiari ed alti per non dar adito a discrepanze...anzi che ben vengano.

    Per me l'interagire è molto importante e non è detto che un confronto debba necessariamente finire in un incontro, può anche sfociare in uno scontro ma pur sempre costruttivo e rispettoso.

    Io sono una "ladra vorace e famelica" e ciò mi permette di capire meglio me stessa per poter meglio capire gli altri, cercando così di relazionarmi sempre più, nel miglior modo possibile.

    E non credo sia sbagliato intervenire quando si è in qualsiasi modo,nel bene come nel male, chiamati in causa..non crede?

    Ma non per giudicare gli altrui pensieri, non mi permetterei mai, ma sempre e solo per quella "fame" di capire.

    Le auguro una buona giornata.


    Ciao Stella buongiorno a te ed ai lettori del blog ^_^

    RispondiElimina
  59. Voto l'angoscia sussurrata di Annarita.

    RispondiElimina
  60. Voto IMMENSA SOLITUDINE di PAOLA.
    Ha saputo rappresentare in un modo perfetto la vera solitudine che molte persone vivono.

    RispondiElimina
  61. Vorrei dare la mia preferenza a "IMMENSA SOLITUDINE" di Paola. Ciao a tutti e complimenti a Stella per l'iniziativa!
    F

    RispondiElimina
  62. Le poesie sono tutte belle.

    Senza nulla togliere alle altre, il mio voto va ad ANNARITA con la sua "Angoscia".

    RispondiElimina
  63. Vorrei fare i miei più sinceri complimenti a tutte e quattro le poesie.... sono bellissime!
    Voto "IMMENSA SOLITUDINE" di Paola

    PS: complimentissimi e grazie mille a te Paola!!!

    RispondiElimina
  64. Voto "Angoscia" di Annarita, che usa parole toccanti e forti, ma mi è piaciuta tantissimo anche quella di Paola "Immensa solitudine" che al contrario, usa parole semplici ma nello stesso tempo toccanti.
    complimenti a entrambe in modo particolare , ma complimenti generali a tutte

    RispondiElimina
  65. C’e tanto da contemplare per apprezzare in ogni parola, in ogni sentito suono, ogni vibrante nota espressa dalle assai care finaliste amiche del cuore. Ed è con il cuore che vorrei innalzare ai sublimi ranghi della silente mente tutte quelle Vostre vibranti poetiche parole a quell’intelletto che ci fa percepire tutto in una sola parola COGITO ERGO SUM. Da quel cuore che è sede di tutta l’essenza interiore di quell’essere superiore che vive in ogni cuore umano. Sacro Krall, custode di quell’anima che ci compenetra con tanti sottili eterici ed energetici corpi. In quel meraviglioso organo biologico nascono sentimenti ed ispiranti contemplative riflessioni che se messe fuori sono meravigliosi illuminanti raggi che debbono ritrovare giusto vaglio in quella analitica Ratio, in quella meravigliosa fusione armonica, che all’unisono ci illumina d’immenso il cammino, parlandoci del sentire, del percepire e del dolce capire.

    Con tanta sentita gioia, non posso che suggerire sia alle finaliste che a tutti i partecipanti di non trascurare, di non minimizzare questa Vostra meravigliosa virtù , da coltivare con grande amore, con quella Vostra innata ispirante vocazione che di sicuro Vi condurrà a tante riflessive verità da manifestare a tanti perché NIBIL EST IN INTELLECTU QUOD PRIUS NON FUERIT IN SENSUM.

    Un caloroso sentito voto per l’espressa poetica di FruFruPina.

    RispondiElimina
  66. Segnalo che Solopoesie ha votato nel post "Aggiornamento"

    RispondiElimina
  67. Il mio voto va a Calliope: tra i suoi versi rivedo antiche mie solitudini.
    Un saluto a tutti e baci a Stella.

    RispondiElimina
  68. Do il voto a Frufrupina, per la quella atmosfera sognante che lascia trasparire.
    Buona serata Stella.

    RispondiElimina
  69. Un altro voto è su "Aggiornamento"

    RispondiElimina
  70. Voto per Annarita, anche se invece di una gara avrei preferito una rassegna.

    RispondiElimina
  71. Robi, ottima idea anche per me. Grazie del suggerimento!

    RispondiElimina
  72. Il mio voto va ad Annarita per la sua "Angoscia"
    perchè mi emoziona il suo modo di scrivere e le sue parole hanno saputo descrivere quella solitudine lacerante che spesso si sente dentro ma che alla fine si cerca di scacciare...invocando aiuto.
    Complimenti Annarita.

    Complimenti anche alle altre finaliste, le poesie sono tutte bellissime.

    RispondiElimina
  73. Sono tutte e 4 bellissime, ed esprimere un giudizio è estremamente difficile... ragazze, se potessi darei un voto a tutte e 4... Ma trovandomi costetta a scegliere, dico Calliope... Non voletemene, le trovo davvero TUTTE e 4 BELLISSIME...

    RispondiElimina
  74. Trovo i componimenti intensi, autentici. Fare una scelta non è per niente facile.
    La poesia di Annarita mi ha commosso profondamente e quindi voto "Angoscia", una scelta soggettiva che non m'impedisce, però, di fare i miei complimenti a tutte le partecipanti :)

    RispondiElimina
  75. Devo dire che sono tutte e quattro degne finaliste. Se si potesse, le voterei tutte e quattro, ma dovendo esprimere un solo voto, mi sento di scegliere la poesia di Annarita, per la pulizia del verso e la ricchezza di sentimenti. Ma complimenti anche alle altre!

    RispondiElimina
  76. Complimenti a tutti per le belle poesie ma il mio voto va ad Annarita.

    RispondiElimina
  77. Sono tutte belle. Ma devo votarne una e per qualche sfumatura in più voto quella di Annarita.

    RispondiElimina
  78. Che belle poesie! Comunque si può dare una sola preferenza, quindi:
    voto per "Immensa Solitudine" di Paola.
    Un abbraccio e buona fortuna.

    Lucia

    RispondiElimina
  79. per me...
    immensa solitudine di Paola.---
    per le emozioni che mi ha dato

    RispondiElimina
  80. Il mio voto va a Calliope. Complimenti alle altre partecipanti.

    RispondiElimina
  81. Voto per "La mia Solitudine: Tormento ed Estasi", di Calliope.

    RispondiElimina
  82. Trovo tutte le poesie valide ed apprezzabili, ma il mio voto va a "La mia solitudine-tormento ed estasi" di CALLIOPE, i cui versi mi sembrano levigati, sentiti, sinceri e di una straordinaria modernità.

    Nigel Davemport

    RispondiElimina
  83. "Immensa solitudine" di Paola... è bellissima, mi ha davvero emozionata e mi ricorda un pò mia nonna quando si chiudeva nella sua solitudine.

    RispondiElimina
  84. Facendo i miei complimenti davvero a tutte e quattro le poesie, confermo il mio voto per "Immensa solitudine" di Paola. In bocca al lupo a tutti!

    RispondiElimina
  85. È difficile scegliere una poesia fra tante bellissime, purtroppo una sola si deve votare, il mio voto va questa.
    "La mia solitudine-tormento ed estasi" di CALLIOPE,
    esprime sincerità e un amore profondo.

    Tomaso

    RispondiElimina
  86. Ciao a tutti,
    Voto Paola per "immensa solitudine".

    RispondiElimina
  87. Buongiorno a tutti,

    voto per la poesia di Paola "Immensa solitudine"

    RispondiElimina
  88. Voto per Angoscia di Annarita. Seguo da tempo i suoi componimenti e trovo che le sue poesie contengano una sensibilità e musicalità straordinarie.

    Angoscia coinvolge con il suo ritmo travolgente che si addice in pieno alla potenza straripante dell'angoscia, quando questa ci avvolge nei suoi flutti.

    Complimenti alle quattro poesie finaliste

    Ermes

    RispondiElimina
  89. Voto per "Angoscia" di Annarita

    RispondiElimina
  90. Ancora in tempo per il mio voto? Spero di sì, non mi son potuta collegare prima. Il mio voto va ad Annarita per la bellissima "Angoscia". Mi ci sono ritrovata e mi ha toccato.
    nadia

    RispondiElimina