giovedì 26 febbraio 2009

6

POESIE IN VETRINA : Roberto


Pastore di nubi

Perdonate se rifuggo

assolati lidi e quiete forme

prediligendo

ottenebrati colli

paludi e nebbie...

Io qui lenisco il mio dolore...

E presso il rio morto

sotto la quercia secca

volgo lo sguardo al cielo

alle pecorelle che al crepuscolo

seguono il loro amato pastore.


6 commenti:

  1. Pastore di nubi: bella e malinconica...come la vita, a volte.
    Marina

    RispondiElimina
  2. Versi che suscitano una calma interiore:si riesce anche a vedere il luogo di cui Roberto scrive.
    Molto bella.

    RispondiElimina
  3. molto bella, e molto belle anche le foto di questo blog!
    Complimenti Stella!

    RispondiElimina
  4. Dolce melodia per momenti di pace interiore.

    RispondiElimina
  5. Forse triste, forse malinconica ma di certo è così bella e sottilmente ottimista che leggerla mi fa venir voglia di essere pastore di nubi..in alto...tra l'immenso.

    RispondiElimina