martedì 14 ottobre 2014

22

Versi di Pino Palumbo


Ringhiere

Ho sentito la mia voce,
l'odore di ferro umido
della vecchia ringhiera
e il chiacchiericcio
delle giovani mamme
nella penombra del ballatoio.

Ho sentito i profumi,
le risa e i pianti affacciarsi
sui balconi a ringhiera
e le vecchie radio
sintonizzate a far confusione
cantando ognuna la propria canzone.

Ho sentito battere il cuore
...oggi più d'allora
e la gola stringersi
per la palpitante emozione
di profonda nostalgia
per la mia anima giovane.

Ho sentito una lacrima di commozione,
entrando dopo mille anni...
in quel vecchio androne
e ho rivisto le mie gambe
in pantaloncini e calzini...
oltrepassando quel vecchio portone.

Ed ancora oggi
la vita urla in quel cortile...d'allora.
Alzo lo sguardo
e vedo del primo piano la ringhiera,
ma nel silenzio ignoto d'indifferenza
...che pian piano ci divora.




22 commenti:

  1. Credo di essere la prima qui a commentare i versi dell'amico e poeta Pino Palumbo;
    non posso che confermare quanto ho già scritto sul suo blog e cioè che si tratta di un brano bello, suggestivo e veramente ispirato.
    Complimenti all'autore e saluti alla sua mecenate ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giovy per la tua squisita condivisione.

      Un abbraccio

      Elimina
  2. Come ho già scritto sul blog di Pino, il brano suggestivo ed evocativo,ci trasporta in un tempo felice e spensierato.
    Un abbraccio cara Gianna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, cara Cetty...felice e spensierato.

      Un saluto affettuoso.
      Ciao

      Elimina
    2. Un abbraccio a te, Cettina.

      Elimina
  3. Ah, l'infanzia. Magia che si rinnova. Bravo Pino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sandra.

      Bello rivederti.
      Ciao

      Elimina
  4. Bellissimi versi uniti al ricordo dei tempi che sono stai agli umori agli odori ai rimpianti dell'infanzia , rinverditi da una vecchia ringhiera!!!
    Bravo come sempre!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì Nella, cosa può provocare una vecchia ringhiera...a me!

      Ciao e grazie per le tue considerazioni. sempre molto apprezzate.

      Elimina
  5. Grazie Gianna per aver ospitato questi miei versi.
    L'altro giorno mi sono ritrovato casualmente nella via in cui ho abitato durante la mia infanzia e non ho saputo resistere. Sono entrato in "quel portone" ho fatto un giro nel cortile, ho tirato su lo sguardo ed ho visto quella ringhiera. La prima emozione è stata di commozione e i versi, nati in un attimo...in quell'attimo, sono venuti fuori spontanei e immediati. E sono "veri".
    Non saranno poeticamente esaltanti, ma per me saranno tra quei versi "significativi" proprio per quello che rappresentano.

    Ancora grazie.
    Ciao Gianna
    Affettuosamente...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ridestato in me "vecchi" ricordi non proprio felici

      Grazie a te, Pino.

      Elimina
  6. Versi profondi, veri, sentiti.
    Stridono le strofe fluttuanti nel contenuto con la malinconia dell'ultima strofa che si lega dolcemente con il resto del testo. Emozionante. Complimenti Pino.

    RispondiElimina
  7. Grazie per le tue belle considerazioni e per i complimenti.

    ciao.

    RispondiElimina
  8. La semplicità di questi versi tanto evocativi portano il lettore ad emozionarsi e con l'immaginazione trovarsi in quel cortile .
    Il poeta è colui che scrive col cuore e Tu lo fai sempre .
    Un abbraccio a Gianna
    Buon fine settimana
    Rakel

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Rakel. Complimenti molto belli i tuoi.
      Ciao.

      Elimina
    2. Abbraccio ricambiato, Rakel.

      Elimina
  9. wow!
    con la tua poesia sei riuscito a far viaggiare la mia mente in un tempo lontano dove osservavo da un cortile vecchie ringhiere e potevo sentire un leggera melodia sovrastata da voci di donne... peccato essermi risvegliata, davvero bravissimo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie.
      E' un bel commento il tuo e mi da certamente molta gioia sapere che i miei versi ti abbiano fatto piombare in un limbo di dolci emozioni antiche...come me.

      Ciao.

      Elimina
  10. Dolce poesia, che risveglia in me tanti ricordi, dalle mie parti non c'erano ringhiere, ma piccoli borghi e grandi cortili dove il trascorrere del tempo non cambiava
    complimenti Pino
    ciao buona serata a te e Gianna.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Luoghi diversi, ma non cambiano i nostri ricordi...vedo.

      Grazie prr il gradimento Tiziano.
      Ciao

      Elimina
    2. Grazie, Tiziano.

      Buona giornata a te.

      Elimina