domenica 16 marzo 2014

45

CRISTIANA




Quando torno dall'aver accompagnato i piccoli a scuola,

trovo mammma che già spignatta in cucina. I profumini che vi

aleggiano son da leccarsi i baffi, ma so che prima dell'ora

stabilita non mi concede mai niente. 

Mi consolo con una bevuta

d'acqua fresca e poi me ne torno sull'aia,

dove papà armeggia intorno al trattore.

Io sono addetto alla sicurezza,ma la scorsa notte,

che   è trascorsa tranquilla, senza impegnarmi in vasti giri

di perlustrazione( ne ho fatto uno ,giusto per scrupolo),

mi ha lasciato fresco e riposato.L'aria mite di maggio

reca odori allettanti e vaghi fruscii, così decido

di andare a bighellonare  un po' in giro.

Aggirata la masseria e raggiunto il boschetto,
inizio il mio solito slalom fra i tronchi degli alberi

e i cespugli, mettendo in fuga varie bestiole.

Soltanto gli uccelli mi osservano con i loro occhietti impassibili,

tanto neanche il gatto li acchiappa lassù.

D'improvviso quell'odore, forte e sinistro,

mi attrae ad una piccola ansa del rivo che

scorre poco lontano, e d'un tratto li vedo:

una giovane madre rattrappita e immobile
ormai spenta e nella curva del suo grembo,

 fra le vesti zuppe di un liquido scuro che emana

zaffate dolciastre, il suo cucciolo appena

nato. Il corpicino nudo    vibra e sussulta e,

quando appoggio il mio naso al suo,

sento l'alito caldo. L'istinto mi suggerisce

subito cosa fare. Mi volto e corro,

salto e corro verso chi tutto sa e tutto può fare,

verso i miei dei. So che loro mi capiranno 


 e allora abbaio e abbaio, a perdifiato .


45 commenti:

  1. Grazie, Gianna, sei gentile e spero di non aver troppo abbassato il livello di questa "vetrina".
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No Cristiana...il tuo racconto mi piace molto.

      Elimina
    2. Grazie Gianna! Vedo ora questi altri commenti, non puoi immaginare che emozione sia per me.
      Cri

      Elimina
    3. Vedi che non hai abbassato il livello di questa Vetrina?

      Io lo sapevo giààààààà!

      Elimina
  2. E' un breve racconto questo di Cristiana che racchiude moltissimo .......
    C'è dentro il suo amore per gli animali, la sua spontaneità e la sua sincerità "nell'adottare" ciò che di più naturale la vita ci dona e ci continua a donare ..........
    Saper apprendere dai nostri amici a quattro zampe non è mai abbastanza .......
    Il loro "istinto" spesso è molto di più del nostro ragionare!
    Un abbraccione a te Cristiana ed uno a te Gianna
    Buona Domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Eli, i cani sono gli unici che mi abbiano indotta a scrivere qualcosa.
      In effetti, li amo molto.
      Cri

      Elimina
    2. Abbraccio ricambiatissimo, Eli.

      Elimina
  3. Complimenti a Cristiana, racconto molto bello.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie , Costantino, non ci frequentiamo e questo mi assicura, in un certo senso, la tua sincerità.
      Cri

      Elimina
  4. Bellissimo racconto Cristina, l'ho letto tutto d'un fiato e mi sono immedesimata completamente. Complimenti!
    Passo a lasciare anche qui l'augurio di una buona domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gtrazie Sidus, passerò da te a ringraziarti ancora.
      Cri

      Elimina
  5. Complimenti per l'entusiasmante racconto
    ciao buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tiziano, che piacere ritrovarti, non ricevo più l'avviso dei tuoi post.
      Ti ringrazio per l'apprezzamento e passerò da te.
      Cri

      Elimina
  6. ciao... un racconto molto bello... appassiona... sembra di correre nel bosco insieme al grande amico degli uomini... a volte i cani ci indicano strade per lasciar volare il nostro cuore nella semplicità della vita..ciao.luigina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono riuscita ad iscrivermi tra i tuoi followers, ci riproverò.
      Ho appurato, però, che sei una cultrice della prosa e della poesia , perciò queste tue parole mi fanno doppiamente piacere.
      Cristiana

      Elimina
  7. Scrivere in prima persona, immedesimandosi in un animale, nella fattispecie un cane, è una modalità narrativa molto interessante, induce il lettore a vedere la realtà con occhi nuovi, da una prospettiva diversa e così tutto diventa una scoperta. Egli comincia a muoversi esattamente come un animale, lungo percorsi inediti, sentieri accidentati o scoscesi ed è posto in una condizione di spirito che gli consente finalmente di capire che, oltre al proprio, esiste anche il mondo animale!
    Molti scrittori si sono cimentati nella scrittura di tipo natural-favolistico, ma per la verità pochissimi lo hanno fatto sostituendosi ai propri personaggi.
    In questo brano, insomma, si va oltre la solita operazione antropomorfica, qui ci si cala nell'anima del personaggio-cane, dimostrando che esso pensa ed agisce spesso meglio di un uomo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che dirti Guardiano, se non che mi hai fatto levitare dal piacere, con questa tua recensione? Sì!
      Non avevo pensato all'aspetto narrativo che tu hai sottolineato e se ci sono riuscita è merito dei miei cani, che sono sempre stati i miei "alter ego".
      Grazie!
      Cri

      Elimina
  8. Ma che finale a sorpresa!! Avevo immaginato che fosse un ragazzetto che passeggiava nel bosco...ed invece...eccolo qui che corre ed abbaia a chiedere soccorso. Mi piace moltissimo il tuo immedesimarti nel nostro amico a 4 zampe. Brava!!
    Buon inizio di settimana

    RispondiElimina
  9. Il tuo racconto Cristiana, parla di un po di quello che riesce a fare per l'uomo un piccolo peloso, ed in campagna direi che i cani sono indispensabili, se il buon Dio non li avesse creati, neppure l'uomo sarebbe riuscito a farsi un aiuto così indispensabile, il mio aivoglia a volerlo far fesso, mi trova sempre e si fa capire bene cosa vuole.
    Ti saluto.

    RispondiElimina
  10. Vedo che li conosci bene i piccoli pelosi.
    Io li amo molto.
    Grazie, Gaetano!
    Cri

    RispondiElimina
  11. Semplicemente meravigliosa...non trovo parole migliori!
    Grazie di cuore per avercela donata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te!
      Noi sai quanto mi fai felice.
      Cri

      Elimina
  12. Mi ha fatto molta tenerezza!!molto carino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ela, scusa il ritardo.
      Ringrazio anche te, di cuore.
      Cri

      Elimina
  13. un racconto dolcissimo,complimenti a Cristiana,
    un saluto alla regina del blog

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Gabe, mi offri l'occasione per ringraziare Gianna ancora una volta.
      Cri

      Elimina
    2. Wowwwwwwwwwwww, che complimento, Graziella!

      Onoratissima, ringrazio.

      Elimina
    3. E' stato un piacere, Cristiana.

      Elimina
  14. Un racconto tenero,dove al protagonista manca solo la parola.
    Gli animali sono degli esseri meravigliosi.
    Un caro saluto .
    Buona giornata cara Gianna.
    Rakel

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, gli animali sono la parte migliore di questo nostro mondo.
      Grazie!
      Cri

      Elimina
  15. E' proprio una storia tenera e ben scritta. Non è facile immedesimarsi in un animale e raccontare in prima persona, qui è stato fatto con arte. Complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono un'artista, te l'assicuro, sono del tutto pragmatica.
      I cani sono il mio 'punto debole', ma questo mi ha sempre dato molta gioia.
      Grazie.
      Cri

      Elimina
  16. Un racconto breve, ma che racchiude l’intensità della vita, dell’amore…
    Quando si ama intensamente qualcuno... che sia uomo o animale non fa differenza... risulta facilissimo immedesimarsi, provando a capire le sensazioni che l’altro prova… e se gioire o soffrire di conseguenza.
    Un racconto scritto bene, molto tenero e di scorrevole lettura.
    Complimenti di cuore a Cristiana
    Un caro saluto a lei e a te Gianna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Betty, grazie, il tuo parere conta molto per me.
      Cri

      Elimina
  17. (è la terza volta che tento di lasciare un commento)
    Questo racconto molto tenero ci fa conoscere la sensibilità degli animali ed il loro amore per gli uomini. Io lo capisco benissimo poichè possiedo cani e gatti , e so come loro interagiscono con noi e ci colmano d'affetto. Brava Cristiana,un caro saluto a te ed a Gianna.

    RispondiElimina
  18. Meno male che ce l'hai fatta, Cettina, così so che mi puoi capire, perchè ami gli animali.
    Posso anche ringraziarti per il gentile commento, molto gradito.
    Cri

    RispondiElimina
  19. Un racconto colmo di tenerezza che mi ha commosso...mi sembrava quasi di vedere le immagini in queste descrizioni di Cristiana.... una lettura scorrevole e piacevole che ha un sapore di bontà e di amore.
    Complimenti a Cristiana e a Gianna che l'ha portata qui.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Paola, la mia sensibilità la conosci.

      Ti abbraccio.

      Elimina
  20. GRAZIE PAOLA, menomale che sono ripassata di qua, altrimenti mi sarei persa questo tuo prezioso commento.
    Cri

    RispondiElimina
  21. Desidero ancora ringraziare GIANNA che, con la sua generosità, mi ha permesso di vivere momenti di "GLORIA" :):):)
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alla prossima, Cristiana.

      Buona domenica!

      Elimina