domenica 8 dicembre 2013

28

POESIE IN VETRINA : GRAZIELLA

    Il mio presepe permanente,con le statuette degli artigiani ceramisti





Ascoltano i piccini

con occhi attenti pieni di stupore

la favola antica di Gesù Bambino

e adornano il desco familiare

con la loro innocenza.

Fingono i grandi la solita allegria

per non sciupare

la magia dell’attesa,

ma autentica è la loro tenerezza

unica nota calda

di un Natale diverso,

con le luci appannate di tristezza.




28 commenti:

  1. Certi "natali" hanno un retrogusto amaro, lo so per esperienza diretta. Versi velati di malinconia e tristezza ma anche di tanto amore.

    RispondiElimina
  2. E' il Natale di molti di noi!
    Sei sempre vera e unica Graziella, come l'abbraccio ch'io adesso voglio darti!

    RispondiElimina
  3. Che dire, Graziella con questa poesia ha fatto capire che il Natale è di tutti!!!
    Grazie cara Gianna che sai usare la tua vetrina sempre con le più belle poesie.
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. ,le feste accrescono la tristezza quando il cuore non è sereno.Solo i bimbi gioiscono nella loro ingenuità.
    Un abbraccio ad entrambe

    RispondiElimina
  5. Feliz Natal querida e, para os seus também!!

    Beijos.

    RispondiElimina
  6. ciao Gianna, avevo gia' letto la poesia di Graziella, ma la rileggo volentieri in quest'angolo poetico natalizio...poesia malinconica ,d'altra parte il natale mette anche un po' di tristezza, i bambini appunto, con la loro ingenuita', riescono a distrarci dalle nostre preoccupazioni e a farci vivere un natale piu' sereno, complimenti per la poesia e per il presepe, ciao a tutti buona serata rosa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E Sara mi distrae e mi diverte tantissimo...

      Elimina
  7. A volte le cose tristi possono accadere anche a Natale o per altri motivi si hanno pensieri ma il Natale si vuole vivere lo stesso,perciò si decora casa e si aspetta lo spirito natalizio.Avolte arriva a volte no,ma guardando sorridere un bambino una scintilla si accende in cuore e allora si attende la speranza!Rosetta

    RispondiElimina
  8. Um Natal profundo, do coração! Lindo! beijos,chica

    RispondiElimina
  9. In questa poesia Graziella ci leggo tanta realtà e verità!
    Il Natale oggi è proprio questo...meno male però che ci sono ancora gli occhi dei bambini che s'illuminano!
    Altrimenti per noi adulti le luci del Natale sarebbero "... appannate di tristezza"!
    Complimenti.

    E' sempre più piacevole passare di qua giorno dopo giorno a godere di queste poesie "natalizie" (agg. riduttivo!)...non riesco a seguire la cadenza un po troppo "veloce" Gianna...sono come delle "Comete"...passano veloci...(una al giorno...) e a volte devo tornare indietro a rileggere...perché non vorrei perdermene nemmeno una!...ma troverò sempre il tempo, tranquilla!

    Grazie Gianna. Qui il Natale...si legge!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Pino, ero partita con più calma, ma l'afflusso di poesie mi preoccupava di non poterle pubblicare tutte.

      Le poesie sono sempre qui, non spariscono e si possono rileggere con calma...

      Grazie a te.

      Elimina
  10. Penso che questa poesia di Graziella sia il Natale vissuto da molti adulti.
    I bambini con occhi innocenti vedono tutto brillare, e noi sorridiamo per farli gioire e godere appieno di questo giorno che dovrebbe essere speciale.
    Un abbraccio e buona settimana

    RispondiElimina
  11. ringrazio di cuore Gianna e tutti gli amici affettuosi che hanno commentato la mia poesia,spero soltanto di non avervi rattristato e vi auguro invece un Natale pieno di gioia nel cuore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello che hai descritto è pura realtà, Graziella.

      Un Natale festoso a te.

      Elimina
  12. Un testo a carattere natalizio, che sfiora l'annoso e sofferto tema di salvaguardare la serenità e l'innocenza dei bambini, i piccoli innocenti che sono venuti al mondo senza chiederlo e verso i quali abbiamo tante responsabilità, compresa quella di celare le nostre preoccupazioni, il nostro dolore, specialmente nei momenti di festa!
    Una prova breve ma riuscita.

    RispondiElimina
  13. Molto vera, una bellissima poesia..
    Il Natale dei bambini..la tristezza delgi adulti....

    RispondiElimina
  14. Molto bella e vera..è proprio così che percepisco questo Natale..spero sia migliore l'anno prossimo.
    Un saluto all'autrice e alla padrona di casa.

    RispondiElimina
  15. Le feste portano sempre un velo di malinconia,per fortuna che l'ingenuità e l'allegria dei bimbi le rallegrano.
    Serena notte all'autrice e a te cara Gianna che impreziosisci sempre più la tua vetrina
    Rakel

    RispondiElimina
  16. La poesia esprime quello stato d'animo dell'adulto che considera il Natale una festa per i bambini. Da qui il delicato ma sofferto sentimento di non turbare la magia della festa.
    Ma, nonostante tutto, anche questo è "autentica tenerezza", che il Natale riesce sempre a suscitare.

    Della poesia mi piace soprattutto la delicatezza dei versi, con cui vengono espressi la soffusa tristezza degli adulti e il gioioso comportamento dei piccoli.

    Complimenti alla poetessa :-)



    RispondiElimina
  17. La innocenza e la dolcezza di un bambino trasmette al tuo cuore
    un Natale d'amore ciao Graziella, complimenti.

    RispondiElimina
  18. Bastano gli occhi innocenti di un bimbo a rendere magico il Natale anche per chi non ha più l'entusiasmo di un tempo....hai descritto perfettamente cara Graziellla certe sensazioni di noi adulti ....io aspetto in ansia di rivedere , in casa mia, occhi stupiti di fronte all'alberello e che guardano curiosi e affascinati i pastori, le pecorelle e quella capannuccia in cui un Bambino è riscaldato dal bue e l'asinello..... e, incantati ascoltano.... Un abbraccio e buona giornata a te e a Giannina

    RispondiElimina
  19. Cara Graziella mi hai fatto venire un nocciolo in gola......chi non ha mai finto allegria per non turbare l'innocente entusiasmo dei bimbi? Molto vera la tua poesia, sincera e semplice...in una parola Bella!
    Brava, come sempre. Una felice giornata a te e a Gianna che ospita tanti poeti. Rita

    RispondiElimina
  20. E' verissimo , anche se abbiamo le pene nel cuore... comprimiamo il dolore e ci facciamo vedere sereni dai bambini. Io ne so qualcosa, anche se, quell'anno , non riuscirono i grandi a farmi sentire allegra. Ma è vero... dove sono i bambini bisogna cercare di allontanare il dolore e far posto al sorriso. Anche questo è la magica novella natalizia.
    Bellissima poesia , originale e efficace nel suo messaggio...
    Ciao Graziella, ti abbraccio.... <3

    RispondiElimina