giovedì 21 novembre 2013

19

POESIE IN VETRINA : RAKEL



Il mio Inverno

Si  fa  lento e  corto il  passo

s’ingrigiscono  i  pensieri  .

Sfoglio  pagine  ingiallite

come  le  foglie  d’autunno .

Sempre  più  pallido  il  sole

annuncia  il  tramonto .



Silenziose  le  stanze

solo  stelle  vagabonde

illuminano   il  cielo

annunciando

 la  nuova  notte...

Avanza  il  mio  inverno.



19 commenti:

  1. Brava la cara Rakel. e grazie a te cara gianna, che l'ai messa nella tua vetrina!!!
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. ciao Gianna grazie per la bella poesia di Rakel, molto coinvolgente, ci si immedesima, in quelle lunghe sere invernali silenziose e buie in cui emergono i ricordi e la tristezza, si aspetta con impazienza la nuova stagione , complimenti a Rakel, grazie buona serata rosa.

    RispondiElimina
  3. Ciao Gianna,
    complimenti a Rakel!
    Un plauso a te perché questa vetrina si impreziosisce
    sempre più di stupende poesie
    ciao buona giornata

    RispondiElimina
  4. E' struggente! Rakel...e allo stesso tempo commovente!
    Quante parafrasi della vita nei tuoi versi! Questa poesia ha però una naturalezza e consapevolezza straordinarie. Una smisurata presa di coscienza della vita che avanza ed arriva al suo inverno, ma con uno stato d'animo realistico, come di chi ha saputo attenderlo vivendo appieno fin lì le cose belle che la vita stessa ha donato nelle sue primavere e nelle sue estati di vigoria ed esuberanza.

    Un saluto anche a te Gianna.

    Buona giornata a tutti.

    RispondiElimina
  5. Un brano breve, ma esauriente; in pochi versi (quasi un sonetto) condensa una profonda riflessione sul passare del tempo e sulle variazioni che ciò produce sugli esseri umani.
    C'è un aria, involontariamente, ungarettiana, sicché ogni riga dischiude un'immagine, delicata ma chiara ed evidente, e introduce il lettore nel mondo personale dell'autrice, un mondo chiaroscurale, come quelli di tutte le creature sensibili.

    RispondiElimina
  6. Così come avevo già commentato, questa lirica presenta versi delicati e coinvolgenti per la tematica; molto personale la descrizione del divenire del tempo e il parallelismo metaforico dell'alternanza delle stagioni con la vita umana.Complimenti a Rakel ,un abbraccio a Gianna

    RispondiElimina
  7. Suggestivo quadro di Rakel, sensazioni che affiorano da una certa età...si fatica a non pensare al crepuscolo, i pensieri seguono l'andamento del fisico.
    Buona serata Gianna, abbracci.

    RispondiElimina
  8. Cara Rakel il mo inverno è già iniziato purtroppo dall'estate, e dall'autunno e ancor prima dalla fine primavera...
    Distinguo a malapena le stagioni, sono gli indumenti che mi fanno capire..
    Ma il freddo resta!"
    Quando passera?
    Se passerà?
    Speriamo...
    Gran bei versi, grazie Rakel , grazie Gianna!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Arriverà ancora la primavera, credici, Nellina.

      Elimina
  9. Un grazie sentito a te cara Gianna , che dai spazio ai miei versi.
    Un altro ringraziamento va a coloro , che lasciano il loro pensiero ai miei versi.
    Buon pomeriggio
    Rakel

    RispondiElimina
  10. Molto bella...!
    L'inverno è la stagione che ci fa pensare a "quel" tramonto che tuttavia gode delle stelle vagabonde.
    La vita inesorabilmente è "uguale" alle stagioni.
    Emozionante Rakel... breve e profondo il tuo "mondo " di emozioni e sentimenti in questa lirica.
    Saluti a tutti...:)

    RispondiElimina
  11. Tutti noi nella nostra vita, spesso affrontiamo momenti che ci fanno pensare al freddo dell'inverno.... ma c'è sempre una primavera....anche piccola che sia, può ancora scaldare il nostro cuore.
    Molto emozionante la poesia di Rakel: un abbraccio a lei e a te Gianna

    RispondiElimina