mercoledì 12 dicembre 2012

34

POESIE IN VETRINA : JOE BLACK

Immagine di Katarina Sokolova


Profumi al tempo ceduti

ingrossano il cuore

e nell’effluvio la pelle

d'un mandarino spogliato

 affolla alla mente

con l’odor del Natale

dell’infanzia lontana

abbellita sull'albero

dei semplici odori

e le risa

le grida

le luci

che riportano a casa

e restano appese

su quel ramo sciupato

 L’inverno non ride

quando sferza di freddo

e cammina la vita

nei collant di gelo

bandendo ogni cielo

alle stelle comete

che ora non sanno

 indicare la via

dove vive il pensiero

dove non muore il profumo

  appeso da sempre

a quel ramo che pende

nel suo inconfondibile odore

e luci già spente.

Elisena

34 commenti:

  1. Bellissima poesia cara Gianna, l'immagine pure è bella. JOE BLACK l'autrice della poesia è stata brava.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Tomaso per queste tue gentili parole!

      Elimina
  2. Una poesia molto bella,ci sono frasi che da sole hanno molta poesia e si prestano a varie interpretazioni,come un albero con rami su diverse prospettive che indicano la via,la trovo molto vera e possiamo anche dire che rappresenta l'intimismo.
    Complimenti a Elisena è stata una bella emozione.
    Buona giornata Gianna.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Massimo.
      Le tue parole rispecchiano il vero.
      Lascia che t'abbracci e cogliendo l'occasione per lasciarti il mio Augurio per un sereno Natale!
      Un bacio

      Elimina
  3. Tutti coloro che hanno raggiunto ormai l'età matura provano un po’ di nostalgia per la giovinezza, nostalgia che si acuisce con l’avvento del Natale, quando le famiglie si ritrovano, si ricompattano per festeggiare l'evento in allegria.
    Da qui nasce il rammarico dell’autrice, dalla constatazione che quei tempi non tornano più, non possono tornare, ed allora il rammarico diviene dolore, struggimento, sublimato attraverso la poesia, che è sfogo, voce dell’anima, nel caso specifico, voce di un’anima sensibile, capace di cogliere le varie sfumature della vita e tradurla in canto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Cogliere le varie sfumature della vita e tradurla in canto"
      quest'ultima frase, Antonio, mi fa alzare di 10 centimetri da terra.
      Non credo di saper far così tanto ma questa frase me la tengo strettissima perché è veramente bella!
      T'abbraccio forte forte

      Elimina
  4. Di nuovo qui.....tra fiocchi di neve in questa calda vetrina.
    Sempre un'emozione diversa. Sempre un dono.
    Grazie Gianna!

    Io sono certa che ogni albero di Natale, guardiano d'ogni dono posto ai suoi piedi, vesta di propria bellezza e luci e soprattutto d'un suo inconfondibile odore che poi è intriso di casa, d'affetto, di ricordi e di speranze.
    E sul mio c'è un ramo che pende. Si nasconde tra quelli che mostrano in gran parte sorrisi perché lui regge il peso del vissuto che niente e nessuno potrà più restituirmi. E legato da sempre a quel ramo c'è anche l'odore di mia madre, affetta dal morbo dell'Alzheimer!
    Colgo pertanto l'occasione d'abbracciare tutti i malati e le persone che non potranno "viverlo" nella pienezza ed Augurare a tutti voi un sereno Natale!


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono stata toccata profondamente dai tuoi sentiti versi che...mi appartengono.

      Complimenti Elisena.

      Elimina
  5. Elisena qui da te Gianna ha un posto d'onore, perchè, senza voler far torto a nessuno, trovo che le poesie di Elisena siano quelle che mi coinvolgono di più e mi trasmettono emozioni che vorrei saper esprimere io, in questo modo.
    Elisena è carnale, Elisena è mistica, Elisena è affascinante...è musica, è melodia...Elisena E' la poesia. ciaoooooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricever questo commento da una donna è lusinghiero e se poi la donna è un'amante dell'arte in tutte le sue forme.....credo che sia il massimo!
      Grazie Carla
      Con affetto

      Elimina
  6. Ciao Elisena, quel ramo sciupato, piegato dal suo carico di vissuto è il più bello di tutti, è quello che ti accompagnerà per sempre, non si allontanerà mai da te, è in te!
    Buon Natale!
    Un abbraccio mio Dolce Sorriso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' il ramo al quale continuo a legare la vita Sciarada. Sopporta un gran peso ma resiste!
      Grazie Sciarada e t'auguro un sereno Natale

      Elimina
  7. Molto coinvolgenti questi versi nel ricordo dell'infanzia che ci accomuna tutti.La nostalgia ci indora il presente e ce lo fa vivere meglio.Anche la mia mamma,donna bellissima ed intelligente, purtroppo soffre della malattia di Alzheimer.Non posso dire altro.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cettina tu puoi comprendermi allora. Ed io ti sono vicna
      Un bacio a te ed uno alla tua mamma!

      Elimina
  8. Questi bellissimi versi mi anno riportato nella mia infanzia dove l'albero di natale viniva fatto con un pezzo di ramo qualsiasi perche per la punta del pino non c'erano i soldi per poterla acquistare, ricordo che crescendo avevo imparato a costruirmelo inserendo piccoli rami di pino in un ramo più grosso la sodisfazione di avere il mio piccolo albero, adesso e meglio che apra gli occhi
    altrimenti non mi sveglio più.
    Grazie Elisena per le emozioni che mi ai fatto provare con questa poesia,
    e grazie a te Gianna per averla postata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tiziano credo che molti di noi abbiamo avuto un'infanzia "simile" fatta solo di poche e semplici cose che poi, con il passar degli anni sono diventate i nostri "piccoli grandi ricordi" con tutti i valori d'una vita che non ci ha regalato nulla ma che abbiamo costruito con il nostro entusiasmo e "sudore"!
      Un sereno Natale a te e ai tuoi cari

      Elimina
  9. Versi che descrivono ampiamente l'atmosfera natalizia ricca di gioia mista a malinconia e dei tanti ricordi che in questi giorni riaffiorano nella mente.

    Complimenti ad Elisena ed un saluto a Stella!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gabry. Grazie
      Un bacio e Auguri per il Natale

      Elimina
  10. Natale tempo d'attesa, di speranza, di gioia ma è anche tempo di ricordi più o meno belli ed Elisena in questa sua lirica ha regalato tutto questo. Complimenti e buon natale con la serenità nel cuore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao dolce Simo. E che la serenità resti sempre Regina.....almeno quella ;-)

      Elimina
  11. hai portato "l'odore del Natale" sino a me, le tue parole cadono come i toi fiocchi di neve e coinvolgono. Brava :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giorgia.....ed anche la neve ha il suo odore che sa di freddo, che sa di Natale!
      I miei Auguri

      Elimina
  12. La memoria è sensibile agli odori, un certo profumo riporta al presente tutto il vissuto intorno ad esso, che può essere nostalgia per il Natale dell'infanzia e ancora di più per quello che si era quella volta, l'anima leggera di dolori, incantata dalla vita. La magia non è nelle cose, è in noi.
    Bellissimo canto cara Elisena, un abbraccio
    e un bacio a te Gianna.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie Gabrielle per questo tuo commento!
      Un abbraccio ed un Buon Natale

      Elimina
  13. Risposte
    1. Un grazie ancora per la tua squisita ospitalità ed il mio primo "Buon Natale" ate (tanto son sicura che ne seguiranno altrissimi)!!!!!!!!

      Elimina
    2. Che onore Elisena, e ricambio anch'io con il mio primo:

      Buon Natale!

      Elimina
  14. buona sera Gianna :)mi piace moltissimo la nuova grafica :) molto delicata e natalizia :D
    i versi che hai scelto sono stupendi, scivolano nel cuore dolci e caldi

    RispondiElimina
  15. Stupenda poesia, che fa tornare indietro nel tempo chi ha vissuto certi momenti... l'odore del mandarino è una caratteristica di tutti i Natali, i semplici odori, le grida, le risa…
    Cara Elisena, io penso che quel ramo sciupato diventi sempre più forte, e il suo inconfondibile profumo ti accompagnerà sempre… lui ti ha reso forte… e la donna meravigliosa che sei.
    Un grandissimo abbraccio

    Un grazie anche a te Gianna per averla postata

    RispondiElimina
  16. Ho letto e commentato questa poesia anche da Elisena: si tocca con mano la sua nostalgia ed il suo desiderio di mantenere vivi i ricordi e i profumi di un tempo, appesi a quel ramo , appesi nel suo cuore. Un bacio a Elisena e uno a Gianna

    RispondiElimina