giovedì 24 maggio 2012

22

POESIE IN VETRINA : NIGEL



Tempo di poesia


Non c'è un giorno, un'ora,
un minuto, per essere poeti.
Non ha orari, non ha padroni
e nemmeno è schiavo chi compone versi.
Egli è servo soltanto della sua ispirazione.
Viene infatti un momento in cui sale
da dentro un misterioso impulso,
che t'induce a guardare la realtà
con la lente d'ingrandimento del tuo cuore.
Arriva così l'attimo, si compie la magìa,
per cui parli alla Luna o scopri all'improvviso
il soffio dell' eterno racchiuso in un fiore.
Così nasce un poeta, in preda all'emozione,
quando provi ad esprimere la gioia
che senti in te, la rabbia che nascondi,
quando ti assale il dubbio che la vita è deserto;
quando cerchi uno scopo al viaggiare del vento,
quando incontri l'amore o piuttosto lo hai perso.
Tempo di poesia è forse questo,
quando la luce volge e viene il vespro,
mentre cerco nella sfocata immagine allo specchio
improbabili segni della mia giovinezza.

22 commenti:

  1. Eccomi Gianna. Quì, davanti alla tua vetrina. Oggi c'è Nigel ed io non posso non sostare a leggere. Lui è uno dei miei preferiti e la sua lirica recita di poesia.
    La poesia è il mio mondo, il mio modo d'esternarmi e quando d'improvviso l'ispirazione, le parole m'abbandonano, io mi sento persa, fuori dal mondo. E Nigel descrive con chiarezza il sentimento che guida all'ispirazione. Lui è semplicemente fantastico nell'esternarsi con i suoi versi.
    Ed io, adesso, in quello specchio vedo solo un'immagine giovane, fresca, vitale, qual'è la poesia che non invecchia mai!
    Un bacio Gianna ed un abbraccio grande a te Nigel che riesci sempre ad emozionarmi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella sosta rigenerante, Eli.

      Elimina
    2. Sì Gianna. E' bello sostare in questo tuo blog. C'è musica e colore e amore e sapore per l'anima!

      Elimina
  2. E' vero non ci sono orari ... quando ti viene l'impulso di trasformare in parole un'emozione o una sensazione ti metti lì e i versi escono da soli ... e di solito quelli di primo getto sono i più belli.

    Complimenti a Nigel e un abbraccio a Stella!

    RispondiElimina
  3. guardiano sei grande
    hai scritto dei versi troppo belli...troppo!
    grazie gianna di aver pubblicato questa perla ;)
    ciauuu
    esmeralda

    RispondiElimina
  4. Cara Gianna grazie infinite qui oggi nella tua vetrina troviamo il vero artista Nigel i poeta vecchio e il poeta giovane, non ci sono poesie di Nigel che non lascino il suo segno le sue emozioni, grazie Nigel di esistere.
    A te cara Gianna un grazie ancora.
    Tomaso

    RispondiElimina
  5. ciao Gianna grazie per aver pubblicato questa bellissima poesia di Nigel, in questi versi sono racchiuse poeticamente, tutte le tappe che intercorrono per arrivare all'esito finale della poesia e tutti i sentimenti che fanno scattare l'ispirazione, un'analisi molto accurata e approfondita, molto emozionante e reale, ci si rispecchia in queste sue parole, l'animo del poeta e' sensibile a tutto, tutto si trasforma in poesia, anche le cose piu'tristi assumono un certo fascino velate di melanconia, complimenti al nostro grande poeta che ci fa sempre emozionare e sognare con il suo modo inconfondibile, grazie;)buona serata rosa

    RispondiElimina
  6. Non mi esprimo nel merito, perché sarei di parte, ma voglio dire che l'immagine riflessa allo specchio è quella di Nigel all'età di diciannove anni.
    Grazie Gianna di aver pubblicato questi versi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Emozionante, Giovy.

      Per me è sempre un onore ospitare Nigel.

      Elimina
  7. Bellissimo , sublime inno di Nigel dedicato alla parte più bella dell'animo umano .Solo un poeta come lui poteva raccontare il mistero della poesia con l'intensità di colui che la vive perennemente come un'incantesimo,
    come uno stato di grazia in cui la perdita della fresca gioventù non spaventa, ma diventa tempo di poesia.
    Grazie di averla condiviso con noi cara Gianna, un abbraccio.

    RispondiElimina
  8. Ciao Gianna, passavo per un salutino a Rosa ed ho scoperto te. Bello il tuo blog, complimenti. E come non fare i complimenti a questi splendidi versi di Nigel. Il tuo modo di esprimerti poetando è bellissimo, soave e reale.... rendi benissimo le sensazioni,che in qualsiasi momento, e per diverse situazioni, escono da un animo provato o gioioso e si trasforma in parole. Parole in grado di far sentire a chi legge le stesse emozioni del poeta. Grazie Nigel, a te e all'eterna gioventù che porti dentro.
    Grazie Gianna.

    RispondiElimina
  9. E' una scintilla che accende un falò e lo spegni solamente con l'inchiostro della penna...quante sere mi alzo dal letto...per spegnere un falò! Ciao Nigel.

    RispondiElimina
  10. Ciao Gianna e grazie per aver ospitato questo grande poeta ....
    Questa poesia e' vita...e in un certo senso ci fa sentire un po' poeti!!!!!!Grazie ancora ....buona vita e buon tutto!!!!!

    RispondiElimina
  11. Una poesia molto vera e a tratti intensa,complimenti a Nigel,buon fine settimana Gianna.

    RispondiElimina
  12. Poesia stupenda , spiega meravigliosamente che cos'è il linguaggio del cuore.
    Complimenti Nigel. Grazie Gianna e sereno weekend.

    RispondiElimina
  13. poesia come esternazione di sentimenti,di sensazioni,poesia che nasce quando ti guardi dentro o guardi intorno a te,un fiore,un tramonto ,il viso di un bambino,....rimpianto,speranza,paura,
    Nigel,un poeta che leggo sempre,(poeta anche nel commentare le poesie di altri)lo ha espresso con grande intensità in questa lirica.Grazie Nigel,grazie Gianna

    RispondiElimina
  14. Ringrazio sentitamente Gianna che ha ospitato questi miei (modesti) versi e tutti coloro che hanno voluto commentarli.
    Un sereno week-end a tutti.

    RispondiElimina
  15. Guardiano, una poesia che va oltre il poetare.
    Ricca di riflessioni, fluida ed emozionante.
    E' l'immagine della verità poetizzata di colui che ha bisogno di tirare dal di dentro tutte le emozioni della vita quotidiana... vederle sulla carta che prendono forma, quasi come se rivivessero una seconda volta, anche un istante dopo, è una sensazione bellissima, che libera lo spirito e placa il "fuoco" dentro.
    Non ho parole ... tu sei un POETA con tutte le lettere maiuscole.
    Complimenti! :-)
    Ciao carissima Gianna.
    Buona domenica a tutti!

    RispondiElimina
  16. Ringrazio Nigel e tutti i graditi ospiti.

    Serena domenica!

    RispondiElimina
  17. La poesia nasce così, all'improvviso, senza avere orari n'è ci rende schiavi!!! niente di più vero, bellissima!!!!

    RispondiElimina