domenica 13 maggio 2012

21

POESIE IN VETRINA : MIRYAM

 

Elisabeth Chapli "Autoritratto con la mamma" olio su tela 1938


A'  MAMMA

A' mamm è comm o' cielò

saì ca' ce stà , ca' veglià 'ncoppa a’ capa toja

puoì esserè nu' professorè, nu' dottorè, nu' operaiò

puoì ave' 30-40-50 e cchiu' annì

pè te essa sarrà sempe a' mammarella toja

o’ core ca' s' arap e' nott e o' juorn

E a’ tuttè ll' ore

che te piglia e t' accarèzz ,

te vasa 'ncoppa a’ front e t'à stregne a' manò

Pè essa sarraì sempe o' piccirillo ra proteggèr

ò guaglione suoje ca' nun' addà suffrì

è si tu suoffr, essa soffrè insieme a te

èssa, purè si è ormaì na' vicchiarella stancà

ca' nun capìsc cchiu' nientè

te guarda sempe cu ll’ uocchi do' core

e’ te rà chell’amòr ca' sule essa sape dà

e tu o' sentì fort ncuoll e' te

è finò a quann chist’angèl te sta sempe vicino

pèr te è megliò re' medicìn

è na' partè e' te ca nu se stacca maje

e tu nun te sientarraje maje sperdùt

A’ mamma è nu' sciore e' primmavèr

Che nun' avess maje appassì


21 commenti:

  1. ciao Gianna grazie bellissima questa poesia di Miriam, complimenti, specialmente cosi' in dialetto sembra di leggere una poesia di Eduardo, ciao a tutti e buona festa della mamma baci rosa.))

    RispondiElimina
  2. Semplicemente stupenda! Complimenti a Myriam, concordo con Rosa sembra una poesia dei grandi Edoardo e Totò.
    Un caro Augurio a tutte le mamme, fino a quando ci saranno Loro, Noi saremo sempre figlie ragazzine :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fortunati coloro che hanno ancora la mamma...

      Elimina
  3. Grazie Gianna ... una vera sorpresa....:-)
    Forse avrei dovuto mettere la traduzione ... ma l'effetto in napoletano è molto diverso..
    Cmq la metterò nel mio blog , più tardi, ora devo uscire per un impegno ...
    Grazie a Rosa e a Francy... Mammà è semp mammà ... è nu fuoc ca nu se stute maje!
    Auguri a tutte le mamme!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non ho bisogno di traduzione...

      La mamma è un fuoco che non si spegne mai...

      Splendida lirica, Miryam.

      Auguri anche a te!

      Elimina
  4. Magníficos como siempre amiga, los versos que nos seleccionas.

    Feliz domingo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Antonio, felice pomeriggio a te!

      Elimina
  5. Quando si parla di familiari (figli, fratelli o genitori) il rischio di scivolare nella retorica o di dire cose scontate è sempre molto alto.
    In questo caso, l’autrice di "’A mamma" non è incorsa nell’errore; in primo luogo perché ha espresso dei concetti inediti e originali, e poi perché ha adoperato il Napoletano, una lingua a se stante, che possiede una forza espressiva diretta, immediata e perciò può permettersi qualche strofa più "forte", perché forte e “carnale” è il sentimento che la gente partenopea avverte nei confronti delle persone amate, specialmente della mamma.
    Miryam, dunque, ha saputo compendiare in modo esemplare tale sentimento, attingendo la sua ispirazione non solo alla propria esperienza personale, ma a ciò che la mamma rappresenta nell’inconscio collettivo e manifestandolo attraverso versi sentiti, accorati, intelligibili e profondi, tutte qualità che rendono lirico un componimento e lo elevano al rango di Opera poetica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Analisi ineccepibile come sempre, Guardiano.

      Elimina
  6. Una poesia veramente bella e devo dire che andrebbe recitata così per come è nata in origine,l'ho letta più volte per capire bene le varie sfumature ma è molto di cuore,complimenti a Miryam,auguri a tutte le mamme,buona serata cara Gianna.

    RispondiElimina
  7. per apprezzarla,o meglio per capirla,l'ho letta e riletta e l'ho trovata molto musicale ed intensa,complimenti a Miryam,sempre brava,buona settimana stella

    RispondiElimina
  8. Strepitosa come sempre, Myriam...le sue liriche escono dal cuore, e l'impatto emotivo che trasmettono è fortissimo!

    La mamma è la Mamma, insostituibile, unica per sempre.

    RispondiElimina
  9. bella poesia!!
    ciao cara come stai? ti abbraccio a presto!!

    RispondiElimina
  10. Grazie a tutti, siete troppo gentili stupendi!:-)
    Come ha detto Il Guardiano del Faro (Nigel)... è il napoletano che da il grande tocco in più... il merito, ergo è di questa meravigliosa lingua.
    La mia poesia è piccolissima cosa ... pensate alle commedie di Eduardo, ai film del grande Totò e ai tanti pezzi della canzone classica napoletana conosciuti e diffusi in tutto il globo. Questa lingua, con i suoi troncamenti, la sua cadenza, la pronuncia ecc.ecc. rende "profondo" anche un verso banale.
    Attraverso la traduzione che metterò dopo ... ci si può rendere conto come in italiano non "rende" lo stesso effetto che invece le accorda il napoletano.

    Traduzione
    La mamma è come il cielo
    Sai che c’è, che veglia sulla tua testa
    Puoi essere un professore, un dottore, un operaio
    Puoi avere 30-40-50 e più anni
    Per te ella sarà sempre la tua mammina
    Il cuore che si apre di notte e di giorno,
    a tutte le ore
    che ti prende e ti accarezza,
    ti bacia sulla fronte e ti stringe la mano
    per lei sarai sempre il piccolo da proteggere
    il suo ragazzo che non deve soffrire
    e se tu soffri, lei soffre insieme a te
    ella,pure se è ormai una vecchietta stanca
    che non capisce più niente
    ti guarda sempre con gli occhi del cuore
    e ti da quell’amore che solo lei sa dare
    e tu lo senti forte su di te
    e fino a quando quest’angelo ti starà sempre vicino
    per te sarà meglio delle medicine
    è una parte di te e tu non ti sentirai mai sperduto
    La mamma è un fiore di primavera
    Che non dovrebbe mai appassire.

    Ciao a tutti, ancora GRAZIE " e' core " :-)

    RispondiElimina
  11. Dimenticavo ... leggete questa di Salvatore Di Giacomo, poeta e drammaturgo partenopeo ..... è bellissima, ma emotivamente coinvolgente perchè in napoletano .. un'opera d'arte autentica.

    A MAMMA

    CHI TENE A MAMMA
    E' RICCO E NUN O SAPE.
    CHI A VO' BBENE E' FELICE
    E NUN L'APPREZZA.
    PECCHE' L'AMMORE
    E NA MAMMA
    E' NA RICCHEZZA,
    E' COMME O MARE
    CA NUN FERNESCE MAI.
    A MAMMA TUTTO TE DA'
    E NUN TE CHIEDE,
    E SI TE VEDE E CHIAGNERE,
    SENZA SAPE' PECCHE',
    T'ABBRACCIA E TE DICE:
    " figlio!!!! "
    E CHIAGNE NSIEME A TE
    (Salvatore DI Giacomo)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E tu mi hai fatto piangere, Miryam.


      CHI TENE A MAMMA
      E' RICCO E NUN O SAPE.

      Chi ha ancora la mamma, se la goda...e la coccoli...

      Elimina
  12. Stupenda Miryam. Hai espresso tutto quello che si può esprimere di una mamma!...esprimendolo in napoletano gli hai dato quel calore, forza, veridicità e passionalità in più. Ciao.

    RispondiElimina
  13. Quanta dolcezza e che tenerezza sprigiona questa poesia ! Scritta così in napoletano, è fresca e spontanea e vera ! La mamma è un fiore che non si i appassisce mai, e questa è una verità assoluta. I miei complimenti Miryam, e un abbraccio grande a te e a Gianna che ti ospita.

    RispondiElimina
  14. Lindo poema! Belíssima homenagem às MÃES. Ótima escolha. Parabéns!

    Beijos,

    Furtado.

    RispondiElimina
  15. dialetto strettissimo ma splendidi versi!!!
    Ciao Gianna

    RispondiElimina