sabato 14 aprile 2012

18

POESIE IN VETRINA : SOLEDORO



L'ho ritrovata!

Era lì, nascosta in un angolo del mio animo.

Sotto le ceneri dei desideri bruciati

Sotto la melma dei pensieri colpevoli

Sotto veli pesanti di dolore.

L'ho accudita con amore

L'ho difesa con unghie e denti quando

me la volevano rubare.

Mi sono lavata nella sua luce

Dagli insulti degli infami

L'ho lasciata che mi scolpisse l'anima

Con la sua forza di diamante puro.

Pensavo l'avessi persa

Quando la vita mi ha colpito troppo forte.

Ma lei era sempre lì, aspettando

Che l'inverno abbandonasse il mio cuore.

Stracolma, la coppa delle lacrime sta riversando.

Da quel minuscolo granello di luce

Parte una gioia infinita

Che inonda ogni fibra del mio essere.

L'ho ritrovata!

La luce pura della mia Fede.


18 commenti:

  1. A volte le cose ci sono talmente vicino che non le vediamo!! buona fine settimana....ciao

    RispondiElimina
  2. La fede è proprio questo...c'è ma non si vede! ma è proprio quando hai bisogno di Lei che è bello riaccorgersi che ogni volta è lì pronta a dar forza e ... "possibilità" nuove. Bei versi, che spiegano benissimo il sentimento di chi ha fede, ma che spesso non se ne ricorda! Ciao e buon fine settimana.

    RispondiElimina
  3. C'è una forza nelle poesie di Soledoro, che è solo femminile.
    Ad essere sincero, non ce lo vedo un uomo capace di lottare con tanto accanimento contro lo sconforto, per non perdere la fede.
    In questo caso però la fede non è necessariamente quella in una divinità, ma quella più spicciola, diciamo pure quotidiana, cioé quella in se stessi, ciò nondimeno più difficile da conservare.
    Vi sono momenti della vita così complessi che segnano per sempre un individuo e rischiano di gettarlo nel baratro della disperazione.
    Non sono soltanto le circostanze avverse a fare ciò; a volte anche gli esseri umani possono mortificare l'altro, avvilirlo, sino ad annichilire la sua coscienze.
    Ma questi versi ci testimoniano che le tenebre si possono sconfiggere, se nel cuore risiede il coraggio di vivere e l'energia della conquista...quella della "luce pura".

    RispondiElimina
  4. Molto toccante questa poesia!RosettaCiao Gianna e buon sabato e domenica!

    RispondiElimina
  5. Intensa e sincera, brava Soledoro.

    RispondiElimina
  6. la luce della fede è sempre pronta ad illuminarci...bella poesia Soledoro!

    RispondiElimina
  7. Una poesia che rappresenta anche un atto di coraggio,poesia che si presta a molte riflessioni,come il freddo dell'anima che può arrivare anche in estate ma alla fine spunta una luce interiore che mai era andata via,molto bella,complimenti a Soledoro,buona serata Gianna.

    RispondiElimina
  8. E' una bellssima dichiarazione d'amore per quella luce che mai viene a mancare nei momenti difficili... Sono proprio quei momenti a svelare quanto la fede e quindi la vita sia meravigliosamente sorprendente!
    Complimenti Soledoro!!! Un saluto affettuoso a Gianna!!!

    RispondiElimina
  9. E' vero che è la fede l'ancora di salvezza ....
    Complimenti all'autrice e un bacio a Gianna.

    RispondiElimina
  10. Grazie di cuore a tutti.
    Insieme a voi scopro nuove sfaccettature di me...e questo è bello, conoscerci anche attraverso uno sguardo che non sia il nostro, perché molte volte non siamo consapevoli di tutto quello che abbiamo dentro, ma trasmettiamo anche l'inconscio...
    Un abbraccio e buona notte a tutti voi.
    Un bacio e buona notte a te cara Gianna, ti ringrazio per avermi ospitato qui ancora una volta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' stato un vero piacere, Soledoro.

      Elimina
  11. Una bella poesia che evidenzia i momenti chiaroscuri della nostra vita.
    Vedo questi versi, costruiti sulle ombre e sulla tenacia della luce tenuta in vita, come su di un'altalena che va giù rischiando di spezzarsi e poi, con quella forza immane si tira su e scopre che i pali erano piantati nel profondo della "terra" a testimoniare metaforicamente la forza interiore che non si arrende e combatte contro le avversità e le ingiustizie.
    Una "luce pura" che, anche quando non ce ne rendiamo conto, illumina il nostro cammino sulla strada nel "deserto" irta di pericoli e di angosciosi presagi ... una "luce pura" che sfida e vince sulle tenebre e ci conduce fuori dal buio.
    La chiusa fa riferimento alla Fede che si identifica con la nostra "luce pura" della speranza nel bene e nell'amore.
    Molto profonda ed emozionante. Una poesia che può aiutare il lettore a non scoraggiarsi a fronte degli ostacoli e incita ad andare avanti con la fede, forza "cosmica" dentro di noi.
    Ciao Soledoro ... baci Gianna!

    RispondiElimina
  12. ciao...bellissima...mi piace molto
    soprattutto il finale
    la luce delle fede...
    brava... molto bella...ciao..luigina

    RispondiElimina
  13. Mi è piaciuto, immensamente, leggere questi versi impregnati di una Fede assoluta e importante per affrontare con forza ed energia qualsiasi ostacolo possa intervenire nel nostra vita.... La cosa principale è di non perdere mai quella luce, perché è la luce della speranza e dell'amore , la luce che non dobbiamo mai permettere che possa spegnersi. Complimenti alla cara Soledoro. Cari saluti a lei e a te Gianna

    RispondiElimina
  14. Estupendos los versos que nos dejas. Como siempre un placer.

    Saludos y un abrazo.

    RispondiElimina
  15. ciao Gianna grazie questa di soledoro oltre ad essere stata una sua bellissima scoperta e' una poesia stupenda molto emozionante e profonda, e' una gioia leggerla e rileggerle, ciao grazie e complimenti a soledoro gabri, buon pomeriggio baci rosa a presto.))

    RispondiElimina
  16. Rimango sempre molto colpita per i commenti di Guardiano del faro.
    I miei complimenti anche a Soledoro!

    RispondiElimina