martedì 24 aprile 2012

12

POESIE IN VETRINA : CRISTINA


Che hai da guardare non hai mai visto piangere?
Sono un artista di strada.
Anch'io so recitare.
Mi hai ferito e io sorrido.
Vuoi assistere a questo teatro.
Voilà, mi trasformo e mi adeguo.
Mi travesto da fiero guerriero,
indosso l'armatura
e con l'elmo schermo il viso.
Corazzo il destriero
e cavalco fiero.
Op, op, cavallo.
Si rizza,
e si mostra possente.
Sguainando la spada
avanzo altero.
Volteggio l'arma.
I miei occhi coraggiosi e severi
inchiodano i tuoi.
Ti punto la daga.
Colpisco e mi volto.
Ti lascio esangue.
Mi spoglio
e mi vesto di sdegno
a chi incontro rivelo
indignazione di così atroce crimine:
" Che spietato delitto !!!"
Sono un attore,
anch'io.
Che hai da guardare non hai mai visto piangere?
Sì, sono eroe della mia vita,
non attore
né spettatore.
Questo vuol dire
non saper recitare.
Narro la vita con sentimenti reali
degni di essere svelati,
la pitturo con colori credibili.
Punto il dito dritto al cuore
trafiggo e ascolto
non lo lascio morente.
Volo via, ora
lontano, lassù
dove le abilità le dimostro
nella solitudine
senza infastidire nessuno,
neppure il vento.

12 commenti:

  1. Veramente bella, con il finale ad effetto in cui mi ci rispecchio molto
    Un brava a Cristina!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Veramente bella cara Gianna, devo proprio dire brava!!! Cristina.
      Tomaso

      Elimina
  2. Grazie Gianna, vedermi tra le tue poesie mi riempie il cuore di gioia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I tuoi versi meritano di essere esposti qui, Cristina.

      Elimina
  3. Di una liricità magica, complimenti a Cristina e un saluto a te Gianna

    RispondiElimina
  4. ciao Gianna buon 25 aprile a te e a tutti, questa poesia e' molto simpatica e profonda,complimenti a cristina, mi e' sempre sembrata triste la figura del clown, non so perche', cque in questa poesia e' riuscita a sdrammatizzare un po'questa sensazione,con una vivace descrizione dei sentimenti e dei camuffamenti, che ci danno l'illusione di un'allegria consona al suo ruolo, ciao a presto rosa baci.))

    RispondiElimina
  5. Una poesia che è rappresentazione di vita,il delirio danzante che diventa voce attraverso le parole mentre cadono le maschere e tutto diventa reale,complimenti a Cristina,buona giornata Gianna,bacino.

    RispondiElimina
  6. Grazie per le belle poesie e atmosfere che ci regali... ho un pensierino nel mio blg per te... ti aspetto. ciao

    RispondiElimina
  7. È semplicemente bellissima!

    RispondiElimina