sabato 22 ottobre 2011

16

POESIE IN VETRINA : JOE BLACK


AUTUNNO!

L’ho visto arrivare
avanzando sul ponte
a cavallo del suo equinozio
Sulle spalle un mantello
di foglie depresse
il cappello di panno
dalle falde umide di sole
e la nebbia incalzare ai suoi piedi
Camminava a rilento
indebolendo i nostri giorni
che sempre più corti
rimpiangono
i cristalli di salsedine
che trasporta a tracolla
nella ricca bisaccia
Il suo procedere ... l' incontro ...
l’appuntamento col ponte del solstizio
quello del freddo e del ghiaccio
della neve sul mare
L’ho sentito prendermi
Abbracciarmi sulla  sella
di plaid
esortandomi al letargo
sul letto dei ricordi
verso i sogni del Natale
Mi ha presa
mentre scoppiettavano
castagne
Ed io mi sono persa
nei suoi immensi
occhi castani
consona che la sua  gioventù
sarebbe presto sfiorita
nella vecchiaia
d’un’anima innevata!


16 commenti:

  1. Bela obra, muito bem escrita!
    Grande abraço e sucesso!

    RispondiElimina
  2. Una poesia è valida quando riesce a suscitare delle sensazioni nel lettore. In questo caso l'autrice è riuscita perfettamente a descrivere una stagione con poche e sapienti pennellate.
    Ecco allora che l'autunno ci appare con sembianze antropomorfe da sembrare un bravo pellegrino, e la vista si ottunde con l'arrivo della bruma serale, così come le membra percorse da un brivido, presagiscono l'arrivo dell'inverno.
    Leggendo Joe Black, si ha la conferma che la poesia è prerogativa degli animi più attenti, che posseggono la capacità di comunicare.

    RispondiElimina
  3. Ma che poesia bellissima!!!!Mi è piaciuta tantissimo!Baci,Rosetta

    RispondiElimina
  4. una poesia che sembra una pittura,che evoca immagini di una stagione a cavallo tra i sogni di salsedine ,e i sogni di natale,diversa dalle poesie di Elisena,ma ugualmente bella.Buona domenica a te e ad Elisena

    RispondiElimina
  5. Mi pare cara Gianna che questa vetrina diventa sempre più interessante... le poesie incantano sempre. Buona domenica cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  6. Stavolta m'hai fatto veramente una grandissima sorpresa, Gianna.
    Ti giunga il mio abbraccio siculo da quest'isola stupenda!
    Grazie
    Elisena

    P.S.:Sono con un PC che va lentissimo. A quando rientro!

    RispondiElimina
  7. Elisena è un angelo caduto sulla terra! Grazie per queste emozioni

    RispondiElimina
  8. Questa personificazione di messer autunno è stupenda!

    RispondiElimina
  9. Ciao Gianna,bella poesia con un grande finale,complimenti a Elisena.
    Buona serata cara Amica.
    Un bacio.

    RispondiElimina
  10. Leggere i versi di Elisena è un vero piacre per l'anima e i sensi.
    Un abbraccio ad entrambe miaoooùùùùùùùùùù

    RispondiElimina
  11. Che bella :)
    Un abbraccio S.

    RispondiElimina
  12. Carissimi tutti, grazie dei vostri interventi.

    RispondiElimina
  13. sono senza parole...e queste le ho fatte mie.
    Complimenti Elisena

    RispondiElimina
  14. Grazie Gianna....il mio immancabile abbraccio cosmico a tutti i lettori del tuo blog!
    Buona settimana a tutti!
    Elisena

    RispondiElimina
  15. Pennellate di colore per cantare l'autunno, una stagione che è nei cuori di tutti e che, spesso, rappresenta i nostri stati d'animo.
    La poesia è fluida, scorre leggera sulle ali del tempo e del moto terrestre.
    E' come se facesse soste e ad ognuna di esse prendesse un elemento, via via più stagionale, per rifletterlo nelle nostre vite.
    Ad ogni sosta, il passo riprende spedito nella lentezza ... e si identifica con stati d'animo che questa stagione ci fa vivere e "respirare".
    Molto bella, diversa ... una "filastrocca" autunnale impersonalmente "soggettiva".
    Complimenti Joe Black.
    Un saluto alla stella del blog. :)

    RispondiElimina
  16. Mi piace questa personificazione dell'Autunno, ed è bello e molto originale il finale che descrive l'innamoramento dell'autrice, il suo perdersi in quegli occhi castani.. emozionante! brava Elisena

    RispondiElimina