lunedì 18 aprile 2011

15

POESIE IN VETRINA : MIRYAM


Te ne sei andata
in un tiepido mattino d’aprile
all’improvviso
in punta di piedi, silenziosa e discreta
hai lasciato tutti attoniti
smarriti
come in una favola
tutto giungeva sintetico
la tua inconfondibile voce
il tuo sicuro andamento
il solco profondo del tuo sorriso
era lì or ora nell’aria
di una calma apparente
assurdo pensiero
di non rivederti mai più
Dolce e forte amica
mamma tenera e premurosa
donna grintosa e semplice
speciale anche nelle sviste
dolce fiore dai mille petali
come il nome che portavi
hai lasciato ad ognuno di noi
un petalo di immensa nostalgia
della grande corolla variopinta
da racchiudere nel cuore
strapieno di spasmo
nel ricordo di te.
Ciao amica mia carissima


15 commenti:

  1. Miryam è un'addio privo di retorica ma con tantissimo sentimento. La similitudine con la corolla della margherita (il suo nome) e dei petali lasciati ad uno ad uno è molto toccante. Spero che quel petalo diventi presto un sereno ricordo!
    Un abbraccio Miryam!
    Un buon inizio settimana a te Stella!
    Elisena

    RispondiElimina
  2. Cara Miryam, una poesia piena di sentimento e di tristezza che hai reso leggera e discreta come il semplice fiore di cui porta il titolo.
    un abbraccio

    RispondiElimina
  3. ...e buongiorno a te Stella sempre attenta nello scegliere le poesie più significative. :) baci

    RispondiElimina
  4. Una lenta, calma e serena lode per la "Margherita" che non è più fra noi, ma resterà sempre con la sua splendida corolla piena di luce nel ricordo di tanti, soprattutto tuo Miryam
    un bacione.

    RispondiElimina
  5. sofferta e struggente...
    molto bella!!!

    RispondiElimina
  6. Un omaggio a una Amica andata via per sempre trattenendola in eterno fra le rime.
    Struggente questa poesia di Mirya, come ho già detto a Lei personalmente.

    RispondiElimina
  7. Lo spasmo del dolore e la dolcezza del ricordo. Parole d'amore vero.

    RispondiElimina
  8. ciao Stella rieccomi, molto bella e sentita la poesia di Miryam, sensibile e discreta descrizione, di chi rimane attonito davanti al dolore, baci rosa buon inizio settimana.)

    RispondiElimina
  9. Una poesia molto intensa e vera,non facile da scrivere,ma una poesia molto bella,lei vivrà nel ricordo di questi versi molto suggestivi,complimenti a Miryam.
    Buona serata Stella.

    RispondiElimina
  10. Grazie Stella e grazie a tutti i lettori.
    Non ho parole. Questa poesia, per me, non è tanto un semplice ricordo ma un rivivere Margherita, anche se rileggerla mi fa sempre male al cuore, un dolore dell'animo che quasi diventa fisico ... ma un dolore "dolce" che non mi fa male provarlo perchè è come se "rivivessi" lei. Forse non riesco a spiegare con le parole, è molto difficile.
    Ho deciso di pubblicarla prendendo coraggio, dopo cinque anni,per far conoscere, anche se con pochi versi, la storia e l'esistenza di Margherita.
    Non una persona speciale... ma una donna VERA... anche con i suoi difetti... e quindi nella normalità.E credo che quando si è autentici si supera anche di molto l'essere speciale. O forse le due cose sono sovrapponibili...
    Comunque sono commossa...grazie a tutti per i meravigliosi commenti.
    Vi abbraccio tutti.
    Un bacio particolare per Stella!

    RispondiElimina
  11. Grazie a te, cara Miryam; è sempre una gioia averti qui.

    RispondiElimina
  12. Ciao Stellina tanti cari auguri di BUONA PASQUA a presto rosa, auguri a tutti ...
    bello il nuovo look complimenti:)

    RispondiElimina
  13. Grazie cara Rosa.
    Auguri a te!

    RispondiElimina
  14. Miryam...e tu hai fatto commuovere me.

    RispondiElimina
  15. Se ne vanno sempre in punta di piedi le persone speciali e forse, anche per questo loro andare sereni, ci restan nel cuore per sempre. E' bellissima Miryam: e si percepisce il legame che c'era tra voi, l'affetto e la stima. Un abbraccio

    RispondiElimina