sabato 12 febbraio 2011

27

POESIE IN VETRINA : RITA

Crepuscolo dolce sul lago
soave stormire di fronde lassù,
le canne si muovono piano...
l'acqua e la pelle si increspano lievi.
un brivido dolce: se tu fossi qui!

Due lacrime scendono sulle mie mani.,
il sole è una palla di fuoco che cade nel lago,
un altro giorno è finito,
un giorno vicino e pure lontano da te....
Ma tu dove sei?
se potessi guardarti negli occhi!
Sfiorarti le mani! soltanto così!
Ma tu non ci sei e non poso toccarti,
e l'anima urla in silenzio....
dovrò dunque soltanto sognarti?

27 commenti:

  1. Toccante pensiero d'amore!
    Brava, Rita
    Buon fine settimana a te, Stella
    Elisena

    RispondiElimina
  2. ...parole che vengono dal cuore ... Buon week end a te, a tutti!

    RispondiElimina
  3. Triste ma bella...come tutti i canti d'amore sofferto!

    RispondiElimina
  4. Stellinaaaa!! hai pubblicato una mia poesia! grazie! e grazie anche a Joe Black a Erika Nagy Farkas Dudàs e a Claudia per le loro parole gentili. Buona serata e buona domenica :)

    RispondiElimina
  5. Cara Rita e nella sidebar la tua bellissima filastrocca!

    RispondiElimina
  6. l'amore può essere molto triste... la poesia è molto bella però , complimenti a Rita e a Stella, buon week end.

    RispondiElimina
  7. Il rimpianto può straziare. L'immagine evocata ed irraggiungibile: resa molto bene . Brava Rita.

    RispondiElimina
  8. Bella poesia d'amore,molto struggente,bellissimo il finale.
    Buona serata Stella.

    RispondiElimina
  9. Che bel ritmo ha questa poesia!

    RispondiElimina
  10. quante note d'amore! bellissima!!!!

    RispondiElimina
  11. Stellina...la filastrocca nella sidebar è tua...
    perchè sei tu che l'hai ispirata :)

    RispondiElimina
  12. Grazie a tutti per i commenti..troppo buoni :)

    RispondiElimina
  13. Hai visto Rita che successo ha avuto la tua poesia?

    RispondiElimina
  14. Una poesia stupenda, così colma di un amore immenso e profondo! lo avevo detto che una come Rita doveva per forza saper scrivere anche bellissime cose oltre alle sue filastrocche che per altro sono incantevoli e sempre molto tenere e delicate. Leggendola mi sembrava quasi di sentire il calore del sole e quel brivido sottile al pensiero dell'amato.. complimenti Rita. Un bacio a te e a Rita

    RispondiElimina
  15. Grazie a te Stella...Grazie Paola dette da te queste cose sono molto importanti :) baci

    RispondiElimina
  16. Rita cara. era il minimo da dire. Un abbraccio

    RispondiElimina
  17. Ciaoooooooooooooo a tutti!
    Una poesia dolcissima e forte, forte di passionalità romantica.
    Meravigliosa la prima strofa con la descrizione traslata sulle proprie sensazioni dell'incanto naturale del crepuscolo con il pensiero che corre verso l'identità dell'amore che non c'è in quel preciso momento e che, invece,sarebbe un completamento di quel bellissimo quadro naturale ed interiore.
    Poi il rammarico e la nostalgia per quell'amore che è sfuggito e che sfugge come scorrono i giorni, che sono così vicini ma si allontanano sempre di più.
    Struggente e bellissima, aperta alla speranza, non ripiegata solo sul sogno, lo sottolinea quel punto interrogativo finale che ha una enorme importanza, a mio avviso, su tutta la poesia: lascia aperto uno spiraglio... all'amore, al riaccendersi di quella piccola ma "enorme" fiammella...
    Complimenti.
    Ciao Stellina.
    Ho letto anche le altre poesie, sono splendide, ma, con immenso dispiacere, non ho tempo per commentare, ho avuto un periodo difficilissimo che ancora non finisce... spero con tutto il cuore di essere più presente nei giorni a venire. BACIONI!

    RispondiElimina
  18. ciao..che bel pensiero d'amore... struggente e molto interiore...anche se è un grido alla vita..ciao..brava rita..ciao...buona serata..luigina

    RispondiElimina
  19. Miryammmmmmmmmmmmmmmmm, non ci credo ancora.
    Sei tornata, anche se per poco,e mi hai resa felicissima.....
    Tanti auguri per poter risovere i tuoi problemi.
    Leggi il post del compliblog.
    Baci

    RispondiElimina
  20. Bellissima e complimenti tanti a Rita.
    Una lode colma di amore e di grande emozioni. ciaoooo Stella

    RispondiElimina
  21. In effetti, da tempo un lago si accompagna all'espressione di una dolce malinconia. Sarà colpa o merito del Manzoni? "Non tirava un alito di vento ...".

    RispondiElimina
  22. Continuo con stupore a leggere questi commenti bellissimi e voglio di nuovo ringraziarvi Adriano, Carla, Stellinaaaa, Lui...ma.....Miryam...il tuo commento è di gran lunga più bello della mia poesia :)) buona giornata a tutti

    RispondiElimina
  23. Rita non conoscevi la straordinaria bravura di Miryam?

    RispondiElimina
  24. No Stella, non la conoscevo e sono feice di averla conosciuta, andrò sul suo blog e le faccio i miei auguri dal cuore.

    RispondiElimina
  25. Grazie dei numerosi commenti!

    RispondiElimina
  26. Suggestivo il parallelismo tra l'incresparsi del lago e il fremito della pelle; e potente il verso "il sole è una palla di fuoco che cade nel lago".

    Una poesia piena di sentimento, espresso con immagini efficaci :-)

    RispondiElimina