giovedì 22 aprile 2010

19

POESIE IN VETRINA : CLAUDIA

Qui






Qui
Il mio cuore trema
come foglie d'autunno
che a fatica
restano ancorate
al loro amato ramo
prima di essere strappate
e sballottate al vento!
Qui
il mio cuore
viene strappato dal
mio petto
e il sale della sofferenza
gettato sulla fresca ferita.
Qui
su questo letto
sento l'odore di te
che sei andato via
lasciandomi sola e
fragile...
Qui
piango per la mia
eccessiva bellezza
che impedisce
all'occhio distratto
di vedere oltre
il vano involucro di
un corpo che col tempo
potrebbe sfiorire..
Piango
perché sono desiderata
ammirata, bramata
ma mai conosciuta fino
in fondo...
Perché tutti
guardano ma non vedono!
Qui
insonne
chiudo gli occhi
per trovare riposo
ma gli aghi dell'amarezza
mi costingono a tenere
le pesanti palpebre
spalancate!
Qui
soffro e gioisco per
quello che provo..
vivo
di quello che sento
amo
l'idea di un amore
prematuramente distrutto
sento
l'odore
di te
tra le coperte
e respiro a pieni polmoni
tutta la notte
addormentandomi
con gli
occhi pieni di lacrime
con il cuore in pezzi
ed il desiderio di un
amore che non crescerà mai...

19 commenti:

  1. stupenda poesia, molto vera, e bella nache la foto che hai abbinato, hanno una gran forza espressiva sia le parole che la foto che hai scelto

    RispondiElimina
  2. Nouvelles ricordi bene che generalmente le immagini le scelgo io, ma questa volta è di proprietà dell'autrice della poesia.

    RispondiElimina
  3. Una Poesia d'amore, che mette alla ribalta l'aspetto intimistico con cui ognuno di noi convive e fa "i conti"
    Il "QUI" è emblematico, rappresenta il "luogo" interiore ove si stampano le miriadi di sensazioni descritte ed introduce ogni strofa all'analisi dei sentieri dell'anima ,delle proprie emozioni palesarsi in maniera distinta come una rivelazione nell'atto del pensiero.
    Ecco allora che, metaforicamente , si sente il cuore tremare come foglie d'autunno, si sente lo strappo del cuore quasi fosse reale,e si pensa all'amore perduto, evocato dall'odore dell'amato di cui sono intrise le lenzuola. Questa è un'immagine dolcissima e struggente, che l'autrice descrive con somma partecipazione.
    Cìè poi il "QUI" del voler essere amata per la profondità dell'essere, per quello che si è e non per quello che si appare.
    La lirica continua nell'esprimere con trasporto passionale i moti dell'animo umano a fronte di quella misteriosa componente della nostra vita che è l'amore per l'altro, senza la quale ogni azione ci appare vuota e priva di significato.
    Una poesia velata di malinconia, ma dolce e passionale, bella da leggere, da imprimere nella mente.
    Saluti a Claudia. Baci Stella!

    RispondiElimina
  4. Un grido di dolore straziante,vero,lancinante.Per un'amore appena nato e già' perso..una dedizione assoluta,una passione,un bene infinito!un vortice di sofferenza,che comincia con l'alba,per finire al tramonto...l'apparenza, nemica dell'interiorita' e della vera immagine di un'identita'.Un cammino in salita,con il cuore ancorato in un baratro di dolore e l'anima stracciata,da mille ferite profonde.Ma c'è sempre il sole, dietro le nuvole..e c'è sempre l'alba a ricordare l'inizio di un nuovo giorno....intimissima lirica,dai toni melodrammatici,riconducibili ad un'attuale condizione, del rapporto d'amore, senza tralasciare il desiderio e la speranza che tutto,in un momento,possa cambiare.Complimenti vivissimi, Claudia.
    Grazie Stella!!!

    RispondiElimina
  5. Stella...cara... oggi il Santo Padrone di Catalunya... nel mio blog Jugando al escondite cé un ramo di fiore di diorno di oggi per te.

    Ti voglio bene... e ti mando un baci
    Marta

    RispondiElimina
  6. Siempre un placer pasar por tu universo virtual...

    Saludos y un abrazo enorme.

    RispondiElimina
  7. Sono onorata di essere così apprezzata!! Grazie a tutti e a te Stella in particolare!!
    Un bacio

    RispondiElimina
  8. Spero che la poesia non sia frutto d'un personale sentimento,altrimenti non sono tempi leggeri per te,anche se le anime poetiche hanno buona memoria per spiegare alcuni momenti difficili.

    Buon fine settimana,Stella

    && S.I. &&

    RispondiElimina
  9. Versi struggenti da cui traspare l'angoscia, il tormento di un'anima. Molto bella.
    Complimenti all'autrice.
    Un bacio a Stella

    RispondiElimina
  10. Meravigliosa poesia! Sublime espressione della tortura interiore a cui l'anima, ferita per amore, viene sottoposta.
    Baci

    RispondiElimina
  11. Ivo Serentha and Friends, infatti non sono per niente tempi leggeri!! Comunque grazie infinite a tutti quanti!

    RispondiElimina
  12. Hola!
    Por Muchas gracias por visitarme!
    Un poema Muy chulo ..
    Me Quedo Por tu blog para leerte jeje ..

    Muakk Besitos!

    RispondiElimina
  13. Buon 25 aprile a te Stella e Claudia,quel popolo che si ribellò tanti anni fa,ha consentito i primi passi verso la democrazia,anche se molti se ne stanno dimenticando.

    L'Emilia-Romagna sorprendentemente ha un patrimonio storico molto consistente,è stato un piacere prenderne atto,siamo davvero un paese ricco di storia e di cultura,peccato che gli italiani a maggioranza non lo sappiano apprezzare.

    Baci,&& S.I. &&

    RispondiElimina
  14. Ivo, giusto ciò che affermi...
    Buon 25 aprile pure a te...

    RispondiElimina
  15. Stupenda! incantata! Non sparei come altro descriverla.

    RispondiElimina
  16. Il blog Travel continua,è solo scivolato il post programmato per un'eventuale fine delle trasmissioni.

    Non si sa mai,anche perchè i collaboratori se passassi a miglior vita,non continuerebbero da soli,sono sempre stati indipendenti,figuriamoci se non ci fossi più.

    Ciao cara,

    && S.I. &&

    RispondiElimina
  17. Ivo, cosa dici, non scherzare!

    RispondiElimina
  18. Questa è davvero stupenda!! Arianna

    RispondiElimina