giovedì 21 gennaio 2010

16

CONCORSO DI POESIA

Cari amici vi ricordo che le poesie, inedite,partecipanti al concorso, dovranno pervenire entro il 31 gennaio 2010.

Grazie

16 commenti:

  1. SPERANZA

    mi abbracci nella notte

    mi coccoli quando sento ormai freddo

    mi fai apprezzare la bellezza dell'alba

    il tuo nome non compare tra i miei scritti

    eppure sei qui

    viaggi sempre sottilmente

    tra le mani in uno sguardo

    nel sorriso ormai perso della gente

    sembri scomparsa

    eppure ci sei sempre stata

    anche se io non me ne accorgevo

    anche quando per orgoglio ti ignoravo

    sei sempre stata nella mia mano

    il tuo nome non compare

    forse per scaramanzia o per distrazione

    eppure sei qui

    a dare senso ad ogni giorno

    ci sei anche se a volte ti ignoro

    come la luce delle stelle appari e poi scompari

    sei qui con me anche adesso

    negli occhi nella pelle nei miei sogni

    le lacrime segnano la tua rinascita

    il mondo fuori è carico d'odio

    eppure sei qui

    a dare senso ad ogni giorno

    a darmi quella forza che spesso manca

    non ti ho mai chiamata per nome

    eppure ci sei sempre stata

    mi abbracci al mattino

    mi fai sentire la tua presenza dolce

    mi fai sperare ancora nel tramonto che verrà

    RispondiElimina
  2. Faço votos que o concurso se traduza no maior sucesso e que ganhe o melhor.

    Parabéns aos organizadores pela feliz iniciativa.

    Beijos,

    Furtado.

    RispondiElimina
  3. Stella trovi quello che mi hai chiesto cliccando Qui.

    :) un sorriso per te!
    Alexia

    RispondiElimina
  4. OT

    Ciao. Mi presento: sono Andrea e mi sono appena iscritto ai tuoi lettori fissi. :)

    I miei blog sono Angolo Film e Ricette Blog, fammi sapere cosa ne pensi! ;)

    RispondiElimina
  5. Torna

    Mille violini il suono della tua voce ,
    rassicurante la tua compagnia .

    Ora luce spenta e malinconia ,
    come il vento e la pioggia ,
    più non mi allieta .

    Con dolcezza
    lenivi il mio tormento ,
    con te abbracciavo la vita
    accarezzata da un brivido eterno .

    Hai curato e
    guarito le ferite ,
    hai ascoltato il cuore
    illuminato il cielo
    e riempito il mare.



    Mi son sentita sposa ,
    con i tuoi baci;
    hai regalato oro
    ai miei pensieri ....
    cullato i sogni ,
    riacceso i desideri;
    colorato di rosso
    i miei orizzonti,
    rendendo più
    incantevoli i tramonti.

    Torna da me , ti prego !!!
    non vorrei ritrovarmi stanca
    col viso attonito e pallido,
    delusa!

    RispondiElimina
  6. Un saluto Stella e buona giornata!

    RispondiElimina
  7. PS- dimenticavo......nessun problema Stella puoi prelevare.
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  8. Grazie Gabry, sei gentilissima.
    Salutissimi!

    RispondiElimina
  9. Stella devi prelevarlo come se fosse una immagine in formato jpg.

    Ciao!

    RispondiElimina
  10. Anche io sono passata a slutarti e a leggere qualche bella poesia! :D

    RispondiElimina
  11. Stella ti ho spedito due mail nell'ultima c'è la soluzione al problema che mi hai accennato.

    Ciao!

    RispondiElimina
  12. Indispensabili attese

    Aspettando le parole chiare
    mi sono mille volte arresa,
    e mille volte ancora le ho cercate,
    ascoltate,
    anche quel giorno
    mentre scendevi le scale
    come gabbiano in picchiata sul mare,
    per fuggire da quelle che non capivi.
    Le ho sentite e perse
    quando mia madre
    s’inondò di luce
    per brillare in eterno,
    ma oggi le ho qui,
    dentro un pugno chiuse,
    nucleo della vita
    e più forti dell’amore:
    indispensabili attese!
    Si ripetono
    in un ciclo perpetuo
    e come la giovane risacca
    è mare aperto
    così la mano che semina tasta già le messi
    quando la terra gonfia
    e gravida germoglia.
    La notte, figlia e madre del giorno,
    mi accoglie tra le sue spire blu,
    la nego e non m’abbandono
    e mentre aspetto l’alba,
    meraviglia del nuovo mattino,
    apro il pugno e libero
    le parole della speranza.

    RispondiElimina
  13. Ciao Stella non trovo il post originale dove lasciare la poesia. La lascio qui:

    Speranza

    A volte è fragile come uno stelo di grano
    che lo piega il vento quando soffia piano.
    A volte è forte come il granito
    fermo di fronte all’onda d’urto.

    E la terra immobile gira
    intorno e su se stessa…
    e senza speranza
    è come un giorno senza mattino.

    (Rosalba)

    RispondiElimina