martedì 22 dicembre 2009

14

POESIE IN VETRINA : SARA


IL VECCHIO
(ED ERA NATALE )


Era lì,
sui gradini di una chiesa lacero e solo,
in una immobilità statuaria
trasmetteva l'angoscia delle radici.
Nella piazza anonime figure
si aggiravano distratte,
sospinte dalla fretta,
epidemia del secolo.
Niente e nessuno si turbava
per quella vita ricurva sullo stelo del tempo,
arresa in solitudine. ...
E il vecchio restava lì,
assente e silenzioso sui gradini della chiesa,
simile a una giostra senza luce,
orfana di bimbi,
lo sguardo perso nell'egoismo del mondo
...ed era Natale.

14 commenti:

  1. Grazie Stella,
    spero che questa modesta poesia possa far meditare- anche solo un attimo- sulle PERSONE che tendono la mano e spesso ingnoriamo, per troppa fretta- troppo egoismo- troppa indifferenza- troppo tutto-
    Questo è il mio augurio per tutti, sopratutto per chi tende fiducioso la mano e aspetta la nostra fiuducioso.

    RispondiElimina
  2. stella ti va di passare a prendere un premio???Un bacione.

    RispondiElimina
  3. Um formoso menino estava mesmo alí
    Tocou de leve o lado esquerdo do meu peito
    Olhou-me com um luminoso sorriso
    Deixou-me sem fala, sem jeito

    Deixou-me no apagar de uma vela
    Olhei novamente o mar
    A calmaria voltou como por encanto
    Mil criaturas inundaram-me o olhar

    Golfinhos felizes assobiaram
    A cria de uma baleia acenou-me
    Uma andorinha do mar poisou no parapeito da janela
    Uma maravilhosa e antiga história sussurou-me

    As estrelas brilharam no celeste
    A Lua estendeu seu manto de fino lusr nesta cena
    Adormeci na imensidão deste mundo
    No embalo de...Uma Noite Serena...


    Uma noite serena

    Um mágico Natal

    Um terno beijo

    RispondiElimina
  4. Una poesia per riflettere e da "incorniciare" nel cuore, di tutti.
    Quando si avvicina Natale tutti sentiamo una gioia nel cuore, ci affrettiamo ad addobbare la nostra casa , compriamo i regali per gli amici più cari e per chi amiamo fervidamente.
    Nelle parole siamo tutti più "buoni" e ci pervade un senso di "carità cristiana" verso tutti i più deboli.
    Nelle parole! Ma nei fatti?
    La fretta per fare tutto completamente bene, a volte, si impossessa di noi, e ci fa perdere la concentrazione giusta per celebrare davvero il Natale... e così, superficialmente, ci passano accanto coloro per i quali Gesù è venuto al mondo... i deboli, gli emarginati, i bambini sfortunati, i vecchi soli.
    Non agiamo così per "cattiveria" ma semplicemente perché siamo distratti.
    Questa poesia di Sara è come un invito ad essere più vigili, a cercare di guardare oltre ... i nostri bisogni, le nostre abitudinarie occupazioni...insomma a guardarci intorno e “scoprire” il senso reale.
    Quanti "vecchi" soli ci circondano e neanche li vediamo?
    Un invito a celebrare la vera essenza del Natale.
    E,credo, che l'autrice non si riferisse solo al periodo natalizio ma alla sua trasposizione in tutti i 365 giorni dell'anno.
    Bellissima e profonda , complimenti Sara.
    Un bacio Stellina!

    RispondiElimina
  5. Bellissimi versi, mi portano a pensare ai tanti nonnini soli di questi tempi.

    Ciao Stella, Ti rinnovo gli Auguri dopo averTi ringraziata sul post "Odio l'inverno".

    Auguri di cuore a tutti i Tuoi lettori.

    Bel commento Miryam, sensibile come sempre.bacio

    RispondiElimina
  6. Poesia dalle riflessioni vere, rimanda un immagine del Natale che somiglia molto alla parte spesso celata del dolore e della solitudine.

    Un Buon Natale ai lettori e a te Stella

    RispondiElimina
  7. Bellissima poesia cara Sara...
    **
    Un Natale Che Mi Porta A Pensare Chi Non Può Festeggiare
    Alle Persone Sole Alle Persone Senza Tetto Alle Persone Che Soffrono
    Alle Persone A Cui Manca L'Amore E L'Affetto.
    A Queste Persone Dedico Il Mio Pensiero ...

    BUONA FESTA A TUTTI!

    Un Sereno Natale a te Stella
    un caldo abbraccio a tutti lisa

    RispondiElimina
  8. Bella poesia,che serve a far riflettere,e a gurdare dietro,scritta con grande maestria,una poesia che non è sul Natale ma è presente nell'ultima parte,grandioso l'impatto emotivo nella chiusa,brava Sara.
    Buona serata Stella.
    Un bacino.

    RispondiElimina
  9. Complimenti a Sara, a Stella per aver scelto i versi di Sara.
    Auguri, Auguri, auguri.
    Vale

    RispondiElimina
  10. Ciao Achab .. la poesia di Sara, secondo me, ha come sfondo il tema del Natale ( è anche nel titolo) ... proprio a sottolineare che la gente, su certe tematiche, è distratta anche a Natale , periodo in cui tutti fanno buoni propositi .. ed invece...
    Scusami per questa mia, ma te l'ho postata solo per un "confronto" amicale anche per quanto riguarda l'interpretazione( che poi è quasi sempre soggettiva) ....UN BACIO!

    RispondiElimina
  11. Minha querida amiga Stella, mais uma vez, fizeste uma excelente escolha. Essa é um tipo de atitude tomada por muitos, e em toda parte do mundo. A indiferença e a distração existem sim. Principalmente quando se tem o dinheiro no bolso e a barriga cheia.

    Belo poema o da Sara. Bastante profundo. Um verdadeiro alerta.

    "Feliz Natal e próspero Ano Novo".

    Beijos,

    Furtado.

    RispondiElimina
  12. Bela e reflexiva mensagem,Stella! Auguri e buone Feste per te e tuoi...baci,chica

    RispondiElimina
  13. Chiedo scusa ma ho schiacciato prima,scusa Stella.
    Ciao Miryam,è giusto il tuo commento,volevo dire che la poesia di Sara non è la classica poesia sul Natale,anche se il natale è presente,ma a mio avviso il fulcro centrale è la vicenda del vecchio-anziano.
    Mi piace questo confronto su questo blog,serve a crescere,grazie del tuo intervento Miryam.
    Ti auguro un felice Natale Miryam.
    Un bacio.
    Buona giornata Stella.

    RispondiElimina
  14. Bravi, così mi piacete Miryam e Achab.

    RispondiElimina