martedì 27 ottobre 2009

9

POESIE IN VETRINA : ZOE'


Blunotte
come il colore dei tuoi occhi
come il mare d'inverno
come le lacrime che scendono sul viso
piano piano lavano via i ricordi

Blunotte
come le parole che ti ho lanciato
fredde e penetranti
lasciate galleggiare nell'aria carica d'odio
vere come l'affetto mai dimostrato
volersi bene assomigliava ad un gioco stupido
un gioco che nella sua banalità a distanza di anni
continua a farmi male

Blunotte
come le grida che non hanno più spessore
come il tempo che plasma dolcemente la mia pelle
come le mattine di nebbia calma in cui sparire

Blunotte
come il peccato che indosso
pericoloso e affascinante
come quest'acqua che sembra non voler finire

Blunotte
come il colore sulla tela
di un mare mai visto
come l'odore di questa musica che vien giù senza tempo

Blunotte
come quel cappotto appeso al bordo
di una porta mai aperta
come la sfiducia dipinta sulle labbra amare

Blunotte
come il canto malinconico e dolce di questo mare
lontana profezia che accolgono le mani
questo mare che abita i tuoi occhi
specchio di ogni paura e speranza nel mio domani

Blunotte
in fondo è solo un nome .. è il nome che ti ho dato

9 commenti:

  1. Parei na viagem de rumo e estrelas
    Sentei-me à beira de uma lagoa sussurrante
    Um Milhafre fitou-me zombeteiro
    Hesitei na procura do adiante

    Na ilha há sempre uma criatura em vigília
    Há sempre um feiticeiro vento
    Há sempre uma flor que a alma seduz
    Há sempre no acontece um mágico momento




    Doce beijo

    RispondiElimina
  2. BUENAS NOCHES , GRACIAS POR VISITARME, TE DEJO UN ABRAZO Y TE DESEO UN LINDO MIERCOLESSS

    CHRISTIANNNNNNNNN :D

    RispondiElimina
  3. Olá amiga! Passando para te desejar uma ótima semana e dizer que foste muito feliz quando na escolha. É um belo poema. Parabéns!

    Beijos,

    Furtado.

    RispondiElimina
  4. Su questa poesia potrebbe chiedere i diritti d'autore Carlo Lucarelli,anche la sua trasmissione è intitolata coaì!!

    Sull'influenza suina

    Quando esistono interessi economici legati alle multinazionali dei farmaci,tutto è possibile e non solo su questo campo.

    Ciao Stella,

    && S.I. &&

    RispondiElimina
  5. Ciao Stella ... è vero ... anche Zoè canta la magicità degli occhi.

    Oggi non sono stata molto in internet, ho solo pubblicato il mio testo, non sapevo di questa tua scelta ...
    Siamo telepatiche ed in sintonia???:DDDDDDDD
    Sono davvero contenta..
    Il testo di Blunotte è molto penetrante .. rivela struggente passionalità e voglia di andare al di là dello sguardo ..
    "Blunotte
    come il canto malinconico e dolce di questo mare
    lontana profezia che accolgono le mani
    questo mare che abita i tuoi occhi
    specchio di ogni paura e speranza nel mio domani"
    Questi versi sono davvero bellissimi...
    Complimenti a Zoè ...un abbraccio a te caro tesoro!

    RispondiElimina
  6. E' una poesia dolce, anche nell'amarezza che può dare un ricordo struggente e un pò amaro.Un bacio a Zoe e uno a Stella.

    RispondiElimina
  7. quando si è tristi e amareggiati si vede la vita con gli occhi della notte , anche i ricordi... un affetto naufragato in parole taglienti, nelle lacrime, nella sfiducia, nel mare che non consola, nella nebbia in cui si vorrebbe far sparire il dolore... si cerca di minimizzare ciò che è stato.... "in fondo è solo un nome il nome che ti hodato" BLUNOTTE

    RispondiElimina
  8. Come già ho scritto da Zoé, è una poesia molto bella ricca di dolci immagini.. e lei con semplicità mi ha risposto di aver attinto ai ricordi, alle emozioni e ha scritto..e cosa c'è di meglio per comporre una poesia?

    RispondiElimina