lunedì 6 aprile 2009

4

SONETTO SCONOSCIUTO DI UMBERTO SABA


Messina (1908)

Io non la vidi mai, che d’essa noto
n’era il nome e non più. Nel mio pensiero,
quanto vedevo immaginando il vero,
è quello che distrusse il terremoto.

Vedea uno stretto da varcarsi a nuoto;
di cupe frondi un dondolio leggero:
col porto di vocianti uomini nero,
sotto un meriggio eternalmente immoto,

biancheggiar la città, vasta aranciera.
ora veggo macerie, onde la fiamma
esce, o un lungo sottil braccio di cera.

Vagano cani ritornati fiere:
mentre al bimbo che piange e chiede mamma
canta la ninna-nanna un bersagliere …

4 commenti:

  1. Bella e struggente...preghiamo per i bambini che in questo momento stanno soffrendo...

    Un saluto!

    RispondiElimina
  2. Sicuramente. Ilpoeta grazie.

    RispondiElimina
  3. Non conoscevo questa poesia di Saba dedicata al terribile terremoto di Messina di 100 anni fa
    molto bella e triste come possono essere i versi dedicati a queste tragedie.
    Un saluto.

    RispondiElimina
  4. Com'è bella Stella cara: quell'immagine del bersagliere che canta la ninna nanna è meravigliosa e ad un tempo ti strazia il cuore.

    RispondiElimina