lunedì 9 marzo 2009

10

POESIE IN VETRINA : ROBERTO


Sul bagnasciuga

E' rimasto

piegato dal vento

un ombrellone sgualcito

sulla spiaggia deserta

è rimasto

sbiadito dal tempo

sul bagnasciuga

tra le impronte che si perdono

nel respiro del mare.


10 commenti:

  1. Che bella questa!

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Grazie, anche per la foto azzeccata...

    RispondiElimina
  3. Roberto,faccio del mio meglio. Collaboro volentieri.

    RispondiElimina
  4. … impronte che si perdono nel respiro del mare.
    È una frase che riempie i pensieri, che non frena l’intelletto su quella spiaggia materiale, ma lo porta oltre, ove la metafora risuona con limpido significato.
    Quanta emozione, in una poesia.

    RispondiElimina
  5. Ciao Stella, arrivo al tuo blog da quello di Gabry e mi haq colpito il tuo link :) anch'io scrivo poesie e racconti, per cui se vuoi mi potresti spiegare in cosa consistono questi concorsi a cui fa riferimento il tuo link?
    Se usi mozilla e se ne hai piacere, passa pure a trovarmi nei miei due blog (Internet Explorer non visualizza i post più recenti):
    http://tantestelle.myblog.it/
    http://volointernoinme.blogspot.com

    Ciao, e perdona l'intrusione :)

    RispondiElimina
  6. Ciao Talamasca,benvenuta!Questo blog era nato per concorsi di poesia,ora pubblica versi dei lettori che me lo chiedono.
    Passo da te.

    RispondiElimina
  7. Ciao Stella, grazie della visita! Allora collaborerò volentieri al tuo blog :) A presto, ciao

    RispondiElimina
  8. Immagini nitide, quasi scolpite, che si perdono nel "respiro del mare": molto bello.

    RispondiElimina
  9. Semplice ma evocatrice del mare attivo in estate e passivo in invernpo. Ciao

    RispondiElimina