giovedì 19 marzo 2009

9

POESIE IN VETRINA : LAUMIG


rio de la plata

sulle sponde del rio
ho pianto
la canoa andava da sola
non la potevo fermare
non la potevo più fermare

la linfa imperlava
la fronte della lama
solo via terra,
tra le fronde,
potevo proseguire

era un dolore
un sanguinare di piedi
e di mani
finchè giunsi di nuovo al fiume
e trovai una zattera

9 commenti:

  1. Testo molto bello, I loved it. Anche se non capisco molto bene la vostra lingua, credo che la lingua italiana, molto bella.

    Abraços

    RispondiElimina
  2. O silêncio da solidão mora em meus olhos
    Revela-se na tristeza, retém a palavra amarga
    Tem a nudez de um aguaceiro de Maio
    Uma garganta presa em grades que a voz embarga

    Hoje a Ilha acordou presa ao silêncio
    Os pássaros voaram no chão de barro frio
    Esqueceram-se de subir ao azul
    Lavaram as penas nas águas de um rio


    Convido-te a descansar a alma nas minhas pedras de Ouro


    Mágico beijo

    RispondiElimina
  3. Carlos ti esprimi bene in italiano.
    Leggi la poesia di Carla.
    Grazie e buona serata.

    RispondiElimina
  4. O Profeta,gracias. Leggi la poesia di Carla.
    Inviate le vostre poesie con la traduzione in italiano.
    Buona serata!

    RispondiElimina
  5. A volte perdiamo la strada giusta...e ci dobbiamo armare,aprirci una strada per ritrovarla!
    Il fiume è sempre lì,ci aspetta; se non ci sarà più la canoa ci sarà una zattera,ma il viaggio della vita deve continuare!

    Poesia molto profonda,complimenti a Laumig per averla scritta e a te stella per averla pubblicata!

    RispondiElimina
  6. La speranza non deve mai abbandonarci dunque: c'è sempre una zattera che può aiutarci.
    Bella anche quest'altra perla della Vetrina..

    RispondiElimina
  7. C'è racchiuso tutto il senso del vivere.
    Dolore, sofferenza, gioia, speranza e ritorno a vivere.
    Bella davvero...tra oceano mare fiume...come nell'immensità del grande e nell'intensità del piccolo.
    Quel che conta è navigare per approdare.
    Complimenti laumig

    ciao Stellì

    RispondiElimina
  8. Questo testo mi ha ricordato un libro di Isabel Allende, La Casa degli Spiriti, e tutta la sua atmosfera. Complimenti.

    RispondiElimina
  9. grazie per l'apprezzamento :)

    RispondiElimina